Basket B, Tassinari carica RivieraBanca per il derby con Cesena

Finalmente buone notizie in casa RivieraBanca che si avvicina al derby casalingo contro i Tigers Cesena con una situazione di sempre maggiore normalità.

I biancorossi, infatti, ora contano solamente un positivo nel gruppo squadra, tra roster e staff tecnico, dopo gli ultimi tamponi molecolari che hanno rilevato quattro ulteriori negativizzazioni. Allo stesso tempo, le visite mediche effettuate ieri, hanno dato risultato positivo: ora i ragazzi di coach Ferrari possono pensare al campo e tornare ad allenarsi a ranghi praticamente completi per cercare di preparare la miglior partita possibile.

Rimini dovrà pagare lo scotto di un fisiologico periodo d’inattività dovuto alle varie quarantene, ma avrà della sua il fattore campo: il pubblico biancorosso, che ha visto dal vivo Rbr l’ultima volta l’8 dicembre, nonostante la riduzione della capienza al 35% non vorrà perdersi una partita così sentita.

«È una partita che dobbiamo vincere, il Covid è un grande ostacolo ma dal mio punto di vista non dev’essere un alibi – dice il play biancorosso Andrea Tassinari -. Siamo una squadra costruita per ogni evenienza: infortuni, defezioni e anche Covid. Sicuramente sarà difficile gestire il fiato, ma giochiamo tutti a pallacanestro da tanti anni e personalmente credo che 10-15 giorni d’inattività non facciano troppo la differenza. Ritornare al Flaminio con un derby dopo questa situazione mi carica tanto, penso che il pubblico sarà numeroso, compatibilmente con la nuove limitazioni, e caloroso».

Dal suo rientro a stagione in corso, Tassinari ha offerto il suo contributo principalmente da sesto uomo di lusso. «Quest’estate l’idea era che io partissi titolare e Rivali in panchina, poi c’è stato un confronto a tre con il coach e abbiamo convenuto che Eugenio con la sua capacità di ragionare ed equilibrare il gioco fosse più adatto a cominciare le partite, mentre io da sesto uomo riesco a essere più imprevedibile e ad attirare le difese sul pick and roll perché tiro di più. Di solito è una decisione che prendiamo partita per partita».

Come ha affrontato RivieraBanca la situazione Covid? Come si appresta a ripartire? «È stata una situazione piuttosto anomala perché ci siamo dovuti fermare in maniera forzata, per me non è una novità e sinceramente mi sento bene e pronto a ricominciare al massimo. La società sta gestendo tutto con molta calma senza accelerare i tempi, siamo in una sorta di preparazione sapendo ovviamente che dobbiamo andare in campo a giocarci i due punti a partire da domenica ed anche che avremo due recuperi da disputare. D’ora in poi l’obiettivo è evitare altre defezioni perché abbiamo già avuto abbastanza infortuni oltre a questa situazione Covid».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui