Basket A2, Gandolfi: “Il settore giovanile dell’Unieuro va alla grande”

Lorenzo Gandolfi, responsabile del settore giovanile dell’Unieuro, facciamo un bilancio di questa prima parte di stagione?

Non ci possiamo nascondere, e devo dire che sono molto soddisfatto, soprattutto per l’atteggiamento e la mentalità che stanno avendo i nostri ragazzi. Se da un lato, ma senza presunzione, me lo sarei aspettato dal gruppo dei più piccoli per il fatto che sono già due anni che lavoriamo insieme, non era scontato per i più grandi, che invece stanno rispondendo alla grande.

E la soddisfazione si vede anche guardando le classifiche…

Come abbiamo sempre detto, non ci sono aspettative “di squadra”, ma puntiamo tanto alla crescita dei singoli giocatori, nel contesto della squadra. Però, quando si scende in campo, lo si fa sempre per vincere, ed è importante che i ragazzi imparino a “giocare per vincere”, e il nostro obiettivo è educarli per trasmettere loro questa ambizione, e lo stanno recependo. Essere nelle prime 3 posizioni in ogni girone dei campionati a cui partecipiamo, è comunque gratificante.

Come procede il progetto Gaetano Scriea Bertinoro – Under 19 Eccellenza?

Facciamo alcune premesse per capire quanto i ragazzi siano concentrati su quello che fanno e stiano recependo il significato dei sacrifici che chiediamo: non si allenano mai di squadra, a causa degli infortuni che ci sono stati con la Serie A almeno 5 di loro sono fissi con i grandi, e nel gruppo ci sono stati altri infortuni piuttosto pesanti. Aggiungiamo che giocano il sabato la C Silver con lo Scirea, il lunedì con l’Under 19 Eccellenza e almeno 3 di loro sono aggregati alla Serie A la domenica. E poi c’è la scuola, non dimentichiamo mai quanto per noi sia importante che questi ragazzi abbiano buoni risultati in ambito scolastico.

Le premesse sembrano essere abbastanza significative….

Esattamente! Trovare l’equilibrio in tutti questi aspetti non è semplice, ma direi che ci stiamo riuscendo. In più, c’è un aspetto assolutamente positivo che vorrei sottolineare: la qualità dei miglioramenti fatti e, soprattutto, la mentalità e l’atteggiamento che questi ragazzi stanno dimostrando. Ad inizio anno avevamo parlato del fatto che questi giovani hanno una “opportunità” e la sensazione di questi 4 mesi è che abbiano davvero assimilato il concetto: ci stanno provando, nonostante le inevitabili difficoltà che hanno dovuto affrontare, soprattutto nella prima parte di stagione in C Silver. Ma hanno capito, reagito e sono cresciuti tanto; con questo non voglio dire che tutto sia perfetto, anzi. C’è chi ha fatto fatica, e chi la farà, visto che la stagione è ancora lunga: ma ognuno ha aspettato il suo momento e, al giorno d’oggi, chiedere ai giovani di “aspettare” è un concetto abbastanza complicato. Ma loro si stanno dimostrando maturi e, tornando alla domanda iniziale, il bilancio è assolutamente positivo.

Anche l’Under 19 Silver è invece in testa al suo campionato.

Vincendo largamente tutte le partite: un plauso va sicuramente fatto a loro per quanto di buono stanno facendo, ma sono dell’idea che, la nostra proposta di inizio stagione per inserirli nel campionato “Gold” avrebbe potuto avere più ascolto: soprattutto per la loro crescita.

Ed ora, cosa ci si aspetta dalle prossime settimane?

In questi giorni ricominciamo a lavorare con continuità ma sempre in sicurezza, cambiando qualcosa, tornando a fare tamponi e stando più attenti nei momenti “comuni”, vista la situazione pandemica. Nella seconda metà di gennaio si dovrebbe tornare a giocare e il nostro piano di lavoro cambierà, dovendo inserire i recuperi delle gare che non si sono disputate: questo significherà allenarsi un po’ meno e disputare più partite, ma è una situazione che durante l’anno si verifica, e ci faremo trovare pronti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui