L’estate di Pino, lo storico bagnino del Bagno Italia a Cesenatico

CESENATICO. Il bagno Italia 67 è da sempre un punto di riferimento per i bagnanti della zona e per i turisti che trascorrono giornate al mare tranquille e divertenti. La vera anima è “Pino il Bagnino”. Pino Fantozzi da 38 anni conduce l’attività con la sua simpatia.

Dove è nata l’idea di gestire un bagno al mare?
Avevo un’officina meccanica e c’erano sempre polvere, rumore. I figli cominciavano a diventare grandi e così abbiamo deciso di cambiare lavoro. Siamo stati molto contenti della scelta e finora siamo andati avanti bene.

Come sono cambiate le abitudini dei turisti?
All’inizio in molti facevano 15 giorni o un mese di vacanze, poi hanno incominciato a fare una settimana, oppure 4/5 giorni, un weekend; le abitudini sono cambiate molto.

I giochi di carte come marafone e briscola resistono ancora?
Sì, il marafone resiste, anche se oggi si gioca molto a pinnacolo. Anni indietro andavano più briscola e tresette.

Quando volevano far passare la legge per la certificazione del biliardino anche negli stabilimenti balneari cosa ha pensato?
Una cosa non troppo bella. Lo volevamo comprare nuovo poi abbiamo letto di questa legge e per evitare multe salate l’abbiamo eliminato.

Quali sono i servizi più richiesti dalla clientela?
Vogliono tutti l’ombrellone in prima fila. Cerchiamo di accontentare sempre le esigenze di un po’ tutti.

Oggi il pranzo al sacco è passato di moda, la clientela preferisce servizio bar e ristorante?
Ormai sono pochi quelli che decidono di mangiare al sacco, preferiscono il ristorante del bagno. Il nostro non è di lusso, ma da mare direi che va bene. Il menù varia dai piatti tipici romagnoli, come le tagliatelle al ragù al fritto di pesce.

C’è la festa di Garibaldi, come sono cambiate le abitudini?
Non è cambiato molto, continuiamo a fare la cena sul terrazzo, guardiamo da lì i fuochi sul mare, questa festa qui ancora resiste e rimane molto sentita.

Negli anni sono aumentati i turisti stranieri da voi?
Di stranieri ne sono venuti sempre pochi, quest’anno 5/6 coppie in più, non hanno mai frequentato molto il nostro bagno. Viene gente della zona, dell’Emilia e delle regioni a noi vicine. Mi fa molto piacere quando tornano turisti dopo molti anni che non li vedevo e che portano i saluti dei figli o dei genitori; sono belle soddisfazioni e questo significa che il cliente è stato bene.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui