Il problema è iniziato subito, appena abbiamo cominciato a uscire insieme, ma ero convinta che col tempo sarebbe migliorato, cosa che non sta succedendo, ma non so se sono io a esagerare, come dicono le mie amiche. Già ai primi appuntamenti mi parlava sempre della sua ex. Erano stati insieme 8 anni, convivevano, poi lei lo ha lasciato con la scusa della pausa di riflessione, lui è rimasto ad aspettarla e invece dopo 8 o 9 mesi lei si è fidanzata con un altro ed è andata a vivere a 500 chilometri di distanza. Solo a quel punto lui si è deciso a uscire con qualche ragazza, e così sono arrivata io. Per tutti questi motivi, e visto che è stato un lungo fidanzamento, ho pensato fosse normale che per i primi mesi mi parlasse sempre di lei, una donna perfetta, meravigliosa, bellissima con cui nessuna potrà mai competere. Ora però stiamo insieme da più di 6 mesi, ogni tanto vado a casa sua e se incrocio sua madre pure lei mi parla di questa ex. Come se non bastasse, spesso si sbaglia e mi chiama col nome della ex. Non so cosa fare, secondo lui è normale, dice che io non posso capire perché non ho mai avuto storie lunghe come la sua.
Angela

Catia Donini

Anzitutto, “non so se sono io a esagerare, come dicono le mie amiche” o “secondo lui è tutto normale”? No, lasciamo perdere questi ingolfamenti di pensieri altrui e opinioni abbastanza inutili. Con questo tipo ci deve stare lei, e se lei si sente a disagio questa è la cosa che conta. Riassumendo, dopo essere stato 8 anni con una, viene mollato, ma non lo capisce o non si rassegna, chissà. La sua ex addirittura mette 500 chilometri di distanza, sai mai capitasse di reincontrarlo in fila al supermercato, però è la migliore, incomparabile, e lui si adatta ad uscire con altre (con la joie de vivre di un cetaceo spiaggiato) se proprio deve, visto che il grande amore se l’è data a gambe. In questa rubrica abbiamo già parlato della tipologia di uomo (o donna) che fin dai primi appuntamenti fa la lagna raccontando per filo e per segno i passati amori: raramente la situazione si evolve in modo sorprendente, più spesso la lagna prosegue. Qui ci si mette pure la madre, che non solo non ce l’ha con la fidanzata che ha chiuso il rapporto facendo soffrire il suo frugoletto, ma la rievoca gloriosamente, tra l’altro con scarsa eleganza. Tralasciando il fatto che secondo me a noi (noi-lettori e pure lei-Angela) manca qualche tassello su questa formidabile storia d’amore, io direi che 6 mesi sono un congruo lasso di tempo per spazientirsi. Può capitare di venire chiamate con il nome dell’ex una volta, due, persino tre se si è particolarmente inclini alla calma o alla letargia: ma dopo 6 mesi che uno sbaglia nome, io e te, aborì, che se dovemo dì?
P.s. compiti a casa, recuperare su YouTube Corrado Guzzanti e lo sketch sull’aborigeno.

Argomenti:

ex fidanzata

posta del cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *