Da 6 mesi sto frequentando un ragazzo e stiamo facendo le classiche cose da coppia (ci sentiamo di continuo, ogni settimana usciamo, condividiamo hobby e cose del genere), ma lui spesso afferma che non stiamo insieme. In alcune occasioni ha specificato che lui si mette con qualcuno quando ne è innamorato e al momento non mi ama. Nemmeno io sono innamorata, anche perché sono convinta sia un sentimento che arriva con il tempo mentre lui dice che di solito gli capita subito. Per me è stata una doccia fredda, non capisco se c’è un futuro oppure mi conviene lasciare perdere questo rapporto che non so come definire. Insieme stiamo benissimo, ci divertiamo, ma lui esce da un lungo fidanzamento e, dopo 2 mesi che ci frequentavamo, mi ha detto che io non ero prevista e sono stata una sorpresa. Non so cosa fare.
Bianca

Catia Donini

Riassumendo, lui non la ama, lei nemmeno, ma vi sentite di continuo, condividete hobby e insieme state benissimo. Fino a qui le parole potrebbero descrivere un’amicizia fra persone un po’ sole. Suppongo ci sia dell’altro, suppongo facciate sesso, ma di questo la mail non parla, per cui mah. Lui sembra adamantino nel non volersi impegnare, dice che quando si innamora gli succede subito, tipo lampadina sul comò, e dopo 6 mesi nisba. Poi dice pure che lei è stata una sorpresa, non si capisce se bella o brutta (ne esistono di sgradevolissime). E che non state insieme. Può darsi sia in fase di recupero da batosta precedente, e può darsi pure che la fatina dei denti esista, ma direi che i segnali che manda sono tutt’altro che ambigui, e forse per una volta un uomo che parla chiaro andrebbe apprezzato. Quello che invece mi sfugge è perché lei, che non è innamorata, si strugga su pensieri e intenti di lui, si domandi se investire nella relazione, scriva a una Posta del cuore per decifrare un messaggio univoco. Non so, magari pratica il “non mi sbilancio per prima”, il che va benissimo, ma mettendo in conto di patire prima o dopo, se come credo lei è ben più presa di lui (e più coinvolta di come voglia apparire). Se invece così non fosse, chi se ne frega di definire la “cosa” tra voi? Uscite, state bene, condividete passioni, avete voglia di sentirvi spesso, può bastare, no? Non ogni legame è l’amore della vita, per fortuna, l’importante è che siate onesti e non vi raccontiate panzane. Lei non scrive quanti anni avete e cosa fate, quali sono le vostre prospettive o traguardi: certo che se lei ha 40 anni e il desiderio monomaniacale è quello di mettere su famiglia, la visione d’insieme cambia. E comunque, se anche l’amore arriva col tempo (teoria che ha dignità esattamente come il suo contrario), 6 mesi di uscite settimanali, cene e visite all’Ikea dovrebbero bastare per avere un’idea delle evoluzioni imminenti.

Argomenti:

affetti collaterali

posta del cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *