Mercoledì 16 Agosto 2017 | 15:26

SECONDO BLITZ DELLA FINANZA

Caporalato: tra freddo e degrado in 5 appartamenti

Gli sfruttati venivano tenuti in case affittate dalle cooperative di copertura


CESENA. Cooperative regolarmente iscritte ed in regola con la legge al punto da poter affittare 5 appartamenti, dentro ai quali, tra Borello e la vicina Bora, venivano tenuti i lavoratori da sfruttare: anche in questo caso speso clandestini, anche in questo caso costretti a vivere tra muri ammuffiti, freddo e condizioni di sfruttamento. I particolari emersi dopo il nuovo blitz della guardia di finanza gettano ancora più luce sulle dinamiche degli sfruttatori. Anche stavolta, come nel blitz del 9 marzo, tutti gli ammanettati sono marocchini ed erano ai vertici di cooperative che fingevano di svolgere normali compiti lavorativi. I soldi degli appalti però restavano nelle tasche dei caporali. Mentre i dipendenti o i soci lavoratori, arrivavano a non percepire stipendi per mesi. Lavorando e vivendo al di fuori di ogni tutela. Il gip Giorgio di Giorgio ha firmato la carcerazione di tre caporali. Un quarto ha ripiegato all'estero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000