Lunedì 05 Dicembre 2016 | 05:27

DnB.

Per i Crabs un Natale molto amaro

Al Flaminio contro Treviso brutta prestazione della squadra biancorossa che così incappa nella sesta sconfitta consecutiva

Per i Crabs un Natale molto amaro

di DAVIDE TIMPANI

RIMINI. Niente regali sotto l’albero per i Crabs che al termine di una delle prestazioni più negative della stagione cedono il passo al Basket Treviso. Per i granchi di coach Rossi si tratta del sesto stop consecutivo.

Davanti ad un pubblico di altre categorie (l’ingresso gratuito e le vacanze natalizie hanno regalato davvero un bel colpo d’occhio) l’impatto sul match dei Crabs, che perdono prima della gara una pedina importante come Squeo febbricitante, è da brividi: tre perse senza mai tirare nei primi tre possessi e parziale di 0-8 dopo soli tre giri di lancette. Il primo cesto biancorosso lo realizza Bosio dopo 5’. Marengo da sotto e i canestri in transizione di Silvestrini, Bosio e Tassinari confezionano questa volta un 8-0 di pura energia che diventa parità con la tripla di Silvestrini a quota 13, prima della replica di Parente che tiene avanti i veneti alla prima sirena.

L’inerzia è nelle mani dei biancorossi che adesso dietro ci mettono più incisività, ed in campo aperto corrono bene trascinati dalla solita verve di Silvestrini. È lui a suonare la carica, con il canestro di Tassinari che vale il primo vantaggio dell’incontro (17-16 al 12’). Bosio e ancora uno scatenato Silvestrini proiettano a più cinque i granchi (21-16), poi la macchina comincia ad incepparsi complice la stanchezza, fioccano le perse e le soluzioni da fuori con percentuali ancora una volta pessime. Tra gli ospiti invece c’è Maestrello che il canestro lo vede benissimo: otto suoi punti uniti al gancio da marpione d’area di un certo Denis Marconato valgono il più undici Treviso (25-36) con il quale le squadre vanno al riposo lungo.

I canestri di Brighi e Marengo in avvio di terzo periodo ridonano slancio ad una squadra alla ricerca sempre di nuove risorse dalla panchina. Maestrello non è in vena di regali e prosegue nella sua striscia. Tassinari e cinque consecutivi di Silvestrini portano Rimini a meno sei, ma Prandin dall’arco rimette subito le cose a posto. Treviso tra le squadre di vertice è quella che impressiona meno, così Rimini pur continuando a perdere una serie infinita di palloni riesce tuttavia a rimanere nell’ottica dei due possessi di svantaggio.

Ci sarebbe da sfruttare un antisportivo fischiato a Treviso, ma dalla linea della carità Hassan fa uno su due, e la persa di Brighi suona come una pesante sentenza.

L’ultimo periodo è da cinehorror, tra perse, tiri air-ball e soluzioni soliste sbagliate. Sul 49-56 i Crabs non ne hanno più. Parente da sotto e il solito Maestrello chiudono i giochi con largo anticipo. Nel finale c’è posto per l’intraprendente Joel Myers che si prende due conclusioni decise ma non fortunate sotto gli occhi attenti di papà Carlton.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000