Domenica 04 Dicembre 2016 | 15:14

MOTOCICLISMO GP DI SPAGNA

Dovizioso ha progetti interessanti

Quinto tempo assoluto per il forlivese, alle prese con la scelta delle gomme giuste per la gara

 Dovizioso ha progetti interessanti

 

JEREZ DE LA FRONTERA. È uno spagnolo a chiudere davanti a tutti la prima giornata della MotoGp, ma a sorpresa il più rapido non è il “mostro” Marc Marquez, ne i suoi avversari Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa, e neppure Alvaro Bautista, con la Honda semi ufficiale del Gresini Racing, ma Aleix Espargaro con una Yamaha Open. Il giovane spagnolo realizza il miglior crono di 1’39”357 nella mattinata, precedendo Lorenzo (Yamaha, 1’39”714) e Marquez (Honda). Nel pomeriggio il più rapido è proprio Marquez, in 1’39”757, che migliora il suo crono della mattinata, ma non quello dei due connazionali. Alle sue spalle, in un tracciato reso più lento dalle temperature che si alzano: nuovamente Espargaro, un ottimo Andrea Dovizioso (Ducati) che con il suo 1’40”028 è 3° della sessione e 5° assoluto della giornata, Valentino Rossi (Yamaha) in 1’40”125, Lorenzo e gli spagnoli Pedrosa (Honda) e Bautista.

Insomma grande tempo di Aleix, il più “vecchio” dei fratelli Espargaro, Marquez è sempre davanti con Lorenzo, Rossi e Pedrosa che tentano di arginarlo. Dopo le prime tre gare extraeuropee, arrivando nel vecchio continente i tre devono assolutamente provare a rendere la vita più difficile a Marquez.

Anche Dovi e la Ducati appaiono in buona forma, certo il forlivese ha problemi di “scarpe”. La Gp14 va bene con gli pneumatici soffici per le prove, non altrettanto con la dura da gara. «Siamo andati abbastanza bene - ha spiegato ieri Andrea - ho voluto provare la gomma anteriore con mescola dura, ma ancora una volta non riusciamo ad sfruttarla, e per questo motivo all’inizio non eravamo tanto veloci. Verso la fine del turno abbiamo messo la gomma media davanti, quella che tutti dovranno usare secondo me, e la moto è decisamente migliorata. Poi abbiamo montato la gomma posteriore extra-morbida alla fine e sono riuscito a fare il mio tempo. Come sempre, anche qui è importante stare nei primi dieci ed entrare in Q2, ma è più importante verificare che la gomma anteriore media (con la sigla 33) funzioni in ottica gara, anche se secondo me rimane troppo morbida».

Oggi alle 14.10 partono le Q1, per decidere la griglia della MotoGp e domani, dalle 14 via alla gara.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000