BASKET C GOLD

Capicchioni e Rinascita hanno trovato l’accordo: a Rimini una sola squadra

Clamorosa svolta: Rbr farà il campionato di C Gold con il granchio sul petto. Il girone sarà a 13 squadre

04/09/2018 - 11:42

Capicchioni e Rinascita hanno trovato l’accordo: a  Rimini una sola squadra

Luciano Capicchioni

RIMINI. Incredibile colpo di scena finale sulla telenovela estiva del basket riminese. Rimini, infatti, avrà solo una squadra: sarà Rinascita Basket Rimini, ma col granchio sulle maglie. Impossibile? Pare di no. Luciano Capicchioni, ieri sera, ha raggiunto l’accordo con la controparte rappresentata dall’avvocato Giove Boldrini e dal presidente Paolo Maggioli. Alcuni dettagli devono essere limati, ma il grosso è fatto e la fumata bianca c'è stata.

I Crabs rinunciano alla serie C Gold (è possibile farlo con una piccola penale prima che vengano stilati i calendari definitivi) e Lucky sponsorizzerà Rbr che sulla maglia avrà il granchio stilizzato ideato da Gianluca Sberlati nell’estate del 2000.

Non è chiaro che fine farà il pivot Michele Maggioli, l’unico senior ingaggiato sin qui dai Crabs, mentre per quel che riguarda gli altri (Galassi, Moffa, Mladenov, Drigo), si limiteranno a disputare i campionati giovanili o troveranno altra collocazione.

Il girone emiliano-romagnolo di C-Gold quindi diventerà con 13 squadre ai nastri di partenza e il turno di riposo obbligatorio per tutti: se il tutto sarà confermato, non ci sarà bisogno di dividersi il Flaminio, che sarà solo dei ragazzi di Massimo Bernardi i quali giocheranno la domenica alle 18.

Ma come si è arrivati a questo accordo dopo che tutto era naufragato circa un mese fa, quando a un passo dalla chiusura, non se ne fece nulla? Il problema di fondo era il codice 00122 del Basket Rimini: Capicchioni non lo voleva cedere e a Rbr non interessava gestire la prima squadra. Una volta saltata l’ipotesi Corbelli, con la cordata bolognese guidata da Cesare Savigni che ci ha riprovato a più riprese senza convincere Lucky, il n.1 dei Crabs ha deciso di richiamare Rbr per sancire l’armistizio. Insomma: Rbr voleva la pallacanestro riminese e il Flaminio, Capicchioni voleva i parametri, il comune voleva una squadra sola. A meno di dietrofront dell’ultimissima ora, si può dire che ci sarà una sola Rimini. Ripartirà dalla C Gold, con la fenice e il granchio stampate sul petto.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c