COPPA ITALIA SERIE C

Il Rimini trova semaforo Rossi. L’Imolese avrà ancora una chance

Il portiere rossoblù decisivo soprattutto nel finale e i biancorossi salutano la competizione confermando problemi in zona gol. La squadra di Dionisi più pimpante nel secondo tempo

di ALESSANDRO GIULIANI

27/08/2018 - 10:43

Il Rimini trova semaforo Rossi. L’Imolese avrà ancora una chance

RIMINI 0

IMOLESE 0

RIMINI (3-4-1-2) Scotti 6.5; Venturini 6.5, Brighi 6, Petti 6; Simoncelli 6.5 (26’ st Viti 5.5), Variola 6 (16’ st Montanari 6), Alimi 6.5 (36’ st Serafini n.g.), Guiebre 5.5; Candido 6 (16’ st Cecconi 5); Arlotti 6, Volpe 6 (16’ st Buonaventura 6). A disp.: De Angelis, Nava, Buscè, Marchetti, Cavallari, Battistini, Badjie. All.: Righetti.

IMOLESE (4-1-3-2) Rossi 6.5; Garattoni 6, Boccardi 6, Carini 6.5, Ciofi 6 (11’ st Zucchetti 6); Carraro 6.5; Valentini 6 (24’ st Gargiulo 6), Rinaldi 6 (11’ st Belcastro 5.5), Bensaja 5.5 (24’ st Saber 6); Lanini 6.5, Jukic 6 (32’ st Giovinco n.g.). A disp.: Zommers, Patrignani, Checchi, Tissone, Tattini, Rossetti, Mosti. All.: Dionisi.

Arbitro: Angelucci di Foligno 6.5.

Ammonito: Variola.

Note: calci d’angolo 8-5 per il Rimini. Spettatori 200 circa.

FORLÌ. Finisce 0-0 tra Rimini e Imolese, un risultato che esclude la truppa di Righetti dalla Coppa Italia e mantiene inalterate le chance rossoblù. In una partita vissuta sul filo dell’equilibrio bisogna analizzare le sfumature e le proiezioni da qui a tre settimane, quando finalmente si farà sul serio. Nell’exit-poll in vista del campionato andato in scena al Morgagni, sia il Rimini che l’Imolese hanno motivi su cui riflettere.

Nel Rimini c’è da sciogliere un rebus: chi segna? Per il resto spiccano i muscoli di Alimi, il fosforo di Candido e l’inedita intensità (almeno iniziale) di Volpe. L’Imolese ha giocato un po’ in maschera, sia perché la squadra è apparsa fisicamente più indietro degli avversari e quindi ha dovuto metterci qualche pezza, sia perché è partita con giocatori del calibro di Belcastro e i neo-acquisti Giovinco, Saber e Mosti in panchina. Squadra da rivedere con questi ottimi giocatori in condizione e dal primo minuto, magari già inseriti nel meccanismo.

Primo pericolo al 9’ ed è di marca rossoblù, Lanini brucia sul tempo Petti, mette al centro, nessuno dei suoi si fa trovare pronto alla deviazione, la palla arriva a Carraro che impegna severamente Scotti fuori dai pali. Al 14’ ci prova Arlotti dalla distanza, Rossi blocca senza problemi. Rossi, apparso incerto pochi istanti prima, si riscatta deviando miracolosamente in angolo una conclusione di Alimi che si era fatto 30 metri da solo. Sono i biancorossi a menare le danze e nel giro di pochi secondi si rendono pericolosi ancora con Venturini di testa e con un tiro di prima intenzione di Alimi che Rossi tocca in angolo.

Il Rimini prende campo, gioca di più a palla, cerca i piedi di Candido, mentre l’Imolese perde la sicurezza iniziale. Al 30’ bella combinazione tra Jukic e Valentini, il tiro al volo del centrocampista rossoblù viene intercettato da un ottimo Scotti.

La ripresa inizia con la spettacolare palla messa da Simoncelli sui piedi di Volpe che, a tu per tu con Rossi, si fa irretire dal portiere. Al 16’ ghiotta occasione per l’Imolese, ora più pimpante: palla filtrante su azione che nasce da un sospetto fuorigioco, la intercetta Jukic che costringe Scotti a una deviazione in angolo e sugli sviluppi Carini di testa impegna severamente il n.1 biancorosso. Sul ribaltamento di fronte Simoncelli innesca Variola in area, deviazione alta sulla traversa. Al 39’ le parate decisive di Rossi, prima sulla staffilata di Buonaventura, poi sulla percussione di Arlotti.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c