CALCIO

Il futuro si chiama Asd Romagna Centro Cesena

Già avviate da tempo le procedure per il cambio di denominazione: c’è il titolo di D e Angelini allenatore

di FABIO BENAGLIA

20/07/2018 - 11:13

Il futuro si chiama Asd Romagna Centro Cesena

CESENA. Quello di oggi sarà un venerdì triste, l’ultimo giorno di lavoro per i dipendenti dell’Ac Cesena. Dopo l’adesione all’istanza di fallimento, il cda ha messo in liquidazione i dipendenti: oggi arriveranno le lettere di licenziamento, presupposto indispensabile per avviare le indennità di disoccupazione.

Romagna Centro Cesena

Lo sbocco naturale della prima settimana del terzo millennio senza calcio a Cesena sarà il Romagna Centro. Nel caso entro lunedì mattina non arrivino via posta manifestazioni di interesse conformi al bando del Comune, si metterà in moto il piano D che porta dritto verso Via Calcinaro.

Già nei mesi scorsi l’assemblea dei soci del Romagna Centro aveva avviato una procedura di cambio di denominazione in “Asd Romagna Centro Cesena”. Un cambio di nome già visibile nell’area riservata Lnd, anche se per l’esecutività si deve attendere una comunicazione federale che sarà ratificata dall’assemblea dei soci. L’Asd di Martorano metterà a disposizione la sua matricola per quello che diventerà un nuovo soggetto sportivo, diretto da un nuovo presidente, anche per spegnere le polemiche legate al rapporto di parentela tra il presidente del Romagna Centro Daniele Martini e l’assessore allo sport Christian Castorri.

Quanto al mutuo di 1.6 milioni residui da pagare per il centro sportivo di Martorano, ieri il Romagna Centro ha tenuto a precisare che è un mutuo che non riguarda l’Asd Romagna Centro (ovvero la parte sportiva e la società di calcio), ma l’immobiliare che amministra il centro di via Calcinaro. Si tratta della Polisportiva Martorano Spa, gestita da 200 azionisti che continueranno ad affrontare con le loro forze il mutuo, che non rientra nell’operazione per il nuovo Cesena.

Forze in campo

Ieri non ci sono stati segnali al Protocollo del Comune da Pubblisole, a cui si è affiancato un gruppo toscano rappresentato dall’avvocato Francesco Giuseppe Cioffi, che nei giorni scorsi aveva incontrato anche i vertici del Romagna Centro. Se dal bando del Comune non arriveranno sviluppi, da lunedì si dirotterà verso Martorano, con le forze raccolte in campo riunite in una “Ati” (associazione temporanea di imprese) per dare vigore a una nuova realtà sportiva. L’allenatore a questo punto c’è già e per la categoria è un nome di primo piano come Giuseppe Angelini, che ha già vinto la serie D a Bellaria e Santarcangelo e in entrambe le avventure il diesse era Oberdan Melini, uno dei papabili come uomo-mercato.

Colori sociali

Il biancazzurro del Romagna Centro cambierà i colori sociali nel bianconero del Romagna Centro Cesena. È una operazione che a livello burocratico non creerà troppi problemi a medio termine. Meno semplice il nodo legato al marchio: il Romagna Centro ha una martora che avvolge un pallone da calcio con la coda, in prospettiva entreranno in scena il bianconero e il cavalluccio.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c