CALCIO SERIE D

L’ira di Mestrovic spinge il Santarcangelo oltre le ingiustizie: «In C durante l’estate»

«Nelle prossime settimane percorreremo tutte le strade possibili per riprenderci ciò che ci hanno tolto»

di FRANCESCO BARONE

29/05/2018 - 15:34

L’ira di Mestrovic spinge il Santarcangelo oltre le ingiustizie: «In C durante l’estate»

SANTARCANGELO. Cinque mesi fa, proprio come oggi, in uno studio notarile di Rimini, Ivan Mestrovic acquistava da Roberto Brolli le quote di maggioranza del Santarcangelo calcio diventandone il nuovo presidente.

Tutto capovolto

Era dicembre e i gialloblù stavano per iniziare una piccola rimonta che al momento illuse tutti. Oggi, a distanza di 181 giorni, il panorama è completamente cambiato. Il Santarcangelo è retrocesso in serie D. Ieri il presidente Ivan Mestrovic ha preso la parola attraverso un comunicato.

Il comunicato di Mestrovic

«Abbiamo subito una grande ingiustizia – attacca Mestrovic – dopo essere stati assolti da ogni responsabilità, ci sono stati tolti dei punti a campionato finito, al termine di una stagione che avevamo chiuso in una posizione che ci garantiva la permanenza nel campionato di serie C. Il colpo psicologico per tutti è stato devastante e per la squadra era molto difficile far finta di niente e tornare concentrata al massimo per affrontare gli spareggi».

Faremo di tutto

Senza considerare l’avversario, con un monte debiti milionario, e l’arbitraggio che al “Menti” ha indirizzato la partita verso i biancorossi con un’espulsione, quella di Lesjak, che alla fine è risultata determinante per la gara di andata e quella di ritorno.

«Questa ingiustizia ci ha causato grande dolore ma la nostra lotta durerà più a lungo di questa sofferenza: nei prossimi giorni e settimane percorreremo tutte le strade formali e legali per riprenderci quella serie C che ci siamo conquistati sul campo».

Futuro radioso

Poi Mestrovic rassicura tutti sul futuro: «Rispetto al mio arrivo, oggi il Santarcangelo calcio ha un futuro certo, le mie ambizioni e motivazioni non sono assolutamente diminuite, anzi, sono profondamente convinto che il futuro del club sarà luminoso. Tutte le voci su una mia possibile partenza o trasferimento in altro club (la scorsa settimana dalla vicina Pesaro era rimbalzata la voce che lo voleva interessato al club marchigiano, ndr), sono prive di qualsiasi fondamento e non meritano ulteriore commento».

Nei prossimi giorni dovrebbero partire i lavori che interesseranno il manto erboso del “Valentino Mazzola” e il rifacimento e la ristrutturazione dei campi a fianco. Bisognerà capire anche che cosa accadrà in seno alla società. La sensazione è che Gianluca Stambazzi possa restare in cabina di comando anche perché prima dell’arrivo di Mestrovic, il diesse riminese aveva fatto un grande lavoro con il tecnico Angelini mettendo insieme una squadra che, sul campo, poi è quella che si è salvata.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c