MOTOGP

La rossa aerodinamica e la novità Buriram piacciono a Dovizioso

Il forlivese ha testato nuove carene "spaziali" sulla Ducati. «Sono parti che stiamo studiando e che avremo in Qatar»

di MATTEO MISEROCCHI

17/02/2018 - 12:59

La rossa aerodinamica e la novità Buriram piacciono a Dovizioso

BURIRAM. Il tracciato tailandese accoglie la MotoGp con un Dovizioso che sente aria di Austria e un Valentino Rossi che spegne 39 candeline. Il forlivese della Ducati, a fine della prima delle tre giornate di prove sul tracciato nuovo di zecca per la MotoGp (ci hanno già corso i campioni Superbike) fa un paragone che promette bene per la “rossa”. «La nostra moto fa un po’ di fatica nella parte finale della pista – afferma Dovi – ma la velocità è buona e i crono adesso non sono importanti. La pista a tratti ricorda l’Austria come lay-out». Nello Spielberg le Ducati dominano da due anni.

Il romagnolo ha anche testato nuove carene “spaziali”, con alette sempre più avveniristiche. «Sono nuove parti che stiamo studiando e che confermeremo in Qatar. Continueremo a lavorarci e come tutte le novità, hanno aspetti positivi e negativi».

Il cronometro detta sempre legge e dice: 1'30”797 di Cal Crutchlow (Honda), seguito dalla Suzuki di Alex Rins in 1'30”912 e dal campione in carica Marc Marquez in 1'30”912. Dovi ottimo 4° in 1'30”945 con Lorenzo che va leggermente peggio e finisce lontano: il suo 1'31”246 vale il 10° crono. Alle sue spalle Maverick Vinales e Zarco con le Yamaha ufficiali, mentre davanti si piazzano nell'ordine Pedrosa (Honda) 5°, le Ducati di Danilo Petrucci e Jack Miller, Valentino Rossi e Andrea Iannone (Suzuki). Il campionissimo ieri ha compiuto 39 anni, ma dalla Yamaha non è arrivato il regalo del contratto prolungato al 2019 o 2020. Per Vale un 1'31”189, migliore del crono del compagno Vinales che ha già firmato per altri due anni. I primi undici sono velocissimi e ravvicinati. L'Aprilia Gresini Racing continua a inseguire, ma quest'anno le frecce nel box faentino saranno due: Aleix Espargaro è 16° in 1'31”662 tallonato da Redding, 1'31”685. Franco Morbidelli (Honda) al debutto è 19°, la prima Ktm di Smith è 20ª in 1'31”727. Manca il suo compagno Pol Espargaro, sostituito dal collaudatore Mika Kallio.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c