Sabato 10 Dicembre 2016 | 07:54

CALCIO B

Coppola e Campagnolo, due tegole

Lesione al tendine del retto femorale della coscia destra per il portiere: il suo campionato rischia di essere già finito Il mediano andrà sotto i ferri domani: si spera di recuperarlo per la sfida di Siena

Coppola e Campagnolo, due tegole

 

CESENA. Il mercoledì nero del Cesena si materializza al termine dell’allenamento, quando sul sito ufficiale della società viene diramato il report medico dopo le visite specialistiche a cui si sono sottoposti Campagnolo e Coppola: «Andrea Campagnolo, durante la gara Varese-Cesena, si è procurato una lesione di 2°-3° al tendine del muscolo retto femorale della coscia destra. Dopo ulteriori accertamenti dal centrocampista Manuel Coppola si è ritenuto necessario un intervento chirurgico in artroscopia per la lesione al menisco esterno del ginocchio destro».

Campagnolo, stagione finita? La stagione di Andrea Campagnolo di sicuro è compromessa ma rischia addirittura di essere finita. Perché? E’ sufficiente andare a rivedere ciò che è successo in precedenza. Cioè a Novara, il 28 ottobre. Pur sofferente alla coscia destra, Campagnolo chiude tra i pali per le già avvenute tre sostituzioni. Ma non ha forza nelle gambe e allo scadere lui e Volta si fanno beffare da Rubino. Due giorni dopo, il referto medico parla di «lesione di 2° grado al muscolo retto femorale della coscia destra». Starà fuori per quasi tre mesi. Fino a sabato, a Varese. Parte titolare ma alla prima sollecitazione, il tendine del retto femorale (e non solo il muscolo) cede. Lesione più grave della precedente e quindi tempo di recupero superiore ai 3 mesi. Ipotizzando tre mesi e mezzo di assenza, tornerebbe arruolabile per le ultime 3 giornate.

Coppola sotto i ferri. Manuel Coppola alla fine dovrà essere operato. Voce già emersa sabato a Varese e smentita da tutti. Invece ieri si è avuta la conferma. L’intervento in artroscopia sarà effettuato domattina a Roma dall’equipe del professor Mariani. E’ un’operazione “classica” per chi gioca a calcio e nel tempo i tempi di riabilitazione si sono accorciati sensibilmente. Ora in un mese e mezzo al massimo si è pronti a tornare in campo. La speranza del Cesena è che possa rientrare a Siena il 15 marzo. Ma per almeno 8 partite Bisoli dovrà fare senza il suo guerriero.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000