Martedì 06 Dicembre 2016 | 22:44

LA VISITA

Napolitano abbraccia San Marino: partiamo da aeroporto e parco scientifico

Napolitano abbraccia San Marino: partiamo da aeroporto e parco scientifico

SAN MARINO. “Le relazioni tra Italia e San Marino ripartono da Parco scientifico e tecnologico, Aeroporto Fellini, SmRtv, Expò”, senza dimenticare i seimila frontalieri, “asset strategici” e “risorse preziose” per Italia e San Marino. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel suo intervento a Palazzo pubblico, durante la sua visita ufficiale a San Marino, cita le leve delle future collaborazioni tra i due Paesi. E lancia l’auspicio che “San Marino e Roma proseguano con rinnovato slancio e vigore questo percorso condiviso e limpido, in ossequio alle giuste aspirazioni dei cittadini e tra loro soprattutto dei giovani dei nostri Paesi”.

Numerosi e qualificanti sono per il capo di Stato “gli ulteriori ambiti e i progetti concreti nei quali vi sono oggi i più' ampi spazi di collaborazione”, quindi elenca la realizzazione del Parco scientifico e tecnologico, “l’ulteriore valorizzazione dell’Aeroporto Federico Fellini di Rimini, le sinergie nel settore turistico, commerciale e radiotelevisivo, la cura dei rispettivi patrimoni culturali”.

Si tratta, sottolinea, di “autentici asset strategici nel panorama di un’economia mondiale sempre più competitiva”.

E ancora, “in questo contesto - aggiunge - desidero qui evocare l’importanza del comune capitale umano costituito dal lavoro italiano nella Repubblica di San Marino, i nostri lavoratori frontalieri costituiscono infatti una risorsa preziosa che contribuisce a rendere ancor più dinamico, sinergico e prospero il rapporto tra i nostri Paesi”.

Ultima leva l’Expò': il presidente si dice convinto che il “legame, fondato sulla collaborazione e sul comune impegno in tutti gli ambiti delle relazioni bilaterali, troverà un’occasione ulteriore di rafforzamento nell’Esposizione universale di Milano”, cui “San Marino potrà dare un contributo, in virtù della sua costante attenzione nei confronti della conservazione dell’ambiente e dell’individuazione di modelli di crescita economica e sociale conformi ai bisogni della popolazione del pianeta”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000