Domenica 22 Ottobre 2017 | 02:51

MESSAGGIO DI FINE ANNO

«Priorità, aiuti alle famiglie senza lavoro»

La Reggenza a chi governa: «Sostegno senza indugi a chi non ha più reddito certo»

«Priorità, aiuti alle famiglie senza lavoro»

SAN MARINO. La crisi economica non si arresta e verso «quei nuclei famigliari che, dopo aver perso il lavoro, si ritrovano privi di qualunque fonte certa di reddito» dovrà essere rivolto «l'impegno di chi ha la responsabilità di governo», che dovrà puntare «senza indugi, all'adozione di provvedimenti volti al sostegno con l’auspicio che questa condizione di particolare difficoltà possa ben presto essere superata». E' questo un passaggio del messaggio di fine anno della Reggenza, in cui sono stati toccati diversi temi accomunati dalla gravi difficoltà economiche attraversate dal Paese e dalla necessità di ripartire.

I Capitani reggenti Anna Maria Muccioli e Giancarlo Capicchioni hanno infatti ricordato che il 2013 «è stato un anno difficile per il protrarsi di una crisi che anche nel nostro Paese ha inciso negativamente sulle attività economiche e sull’occupazione con pesanti ripercussioni sul bilancio dello Stato». Proprio per questo motivo «è stato necessario assumere la responsabilità di decisioni sofferte e di misure impegnative per contenere il disavanzo pubblico ma soprattutto per creare fondamenta più solide per una sana crescita del nostro Paese e aumentarne la competitività e l’attrattività, nel pieno rispetto degli standard internazionali».

Per perseguire quest’ultima strada, ha proseguito la Reggenza, «si dovrà proseguire quel percorso virtuoso di trasparenza e legalità intrapreso con determinazione che ha già portato il nostro Paese ad una rinnovata credibilità e fiducia da parte degli Organismi internazionali e che dovrà essere in grado di porre la nostra comunità al riparo da qualunque fenomeno distorsivo del suo assetto economico e sociale». E non solo: «La solidarietà tra i cittadini e tra le generazioni - hanno precisato i Capitani Reggenti - deve essere richiamata quale vincolo sociale fondamentale per assicurare la coesione sociale della nostra comunità, individuando e realizzando gli interventi più appropriati per garantire ai nostri giovani un progressivo ingresso nel mondo del lavoro e il reinserimento di coloro che hanno perso l’occupazione e per non mettere in discussione quello stato sociale che rappresenta una conquista di civiltà e un diritto fondamentale per il popolo sammarinese».

Un’altra strada da percorrere per uscire dalle difficoltà è stata ricordata nel messaggio di fine anno. Ovvero: puntare sulla cultura. «Dobbiamo dedicare ogni sforzo per far sì che la nostra Repubblica possa crescere come società basata sulla conoscenza, sulla cultura e sulla piena valorizzazione del capitale umano», hanno proseguito Capitani Reggenti, «e ciò significa valorizzare le intelligenze, investire in formazione e ricerca, per essere pronti ad aprirsi al mondo e ad affrontare le sfide del presente e del futuro». Solo così, infatti, «si potrà non solo dare una risposta ai giovani che si interrogano con incertezza sulle loro prospettive, ma anche alle esigenze di un popolo che, fiero e orgoglioso della propria identità, dovrà essere sempre più capace di proiettarsi in uno scenario mondiale».

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000