SAN MARINO

Caso titoli, i capigruppo ai Capi di Stato: «Siamo preoccupati»

«Nessun dialogo in Aula». La Democrazia cristiana: Governo e maggioranza sono responsabili

22/05/2018 - 11:31

Caso titoli, i capigruppo ai Capi di Stato: «Siamo preoccupati»

SAN MARINO. Sul “Caso titoli” l’opposizione tenta “l’ultima carta” a disposizione. I capigruppo di Pdcs, Psd, Pd, Rete, Mdsi e l’indipendente Riccardi sono infatti saliti ieri mattina a Palazzo Pubblico per consegnare alla Reggenza una lettera in cui esprimono le proprie preoccupazioni, dopo la divulgazione di stralci dell’ordinanza del giudice Simon Luca Morsiani. «Abbiamo ritenuto di appellarci alla Suprema magistratura - è scritto nella lettera consegnata ai Capitani Reggenti Stefano Palmieri e Matteo Ciacci - affinchè si faccia portavoce di tali preoccupazioni in primis con il Governo e i capigruppo delle forze di maggioranza, con cui dall’inizio legislatura il confronto e il dialogo, presupposti fondamentali della democrazia, sono divenuti impossibili».

A spiegare poi in dettaglio le motivazioni dell’iniziativa è il capogruppo del Pdcs, Alessandro Cardelli. «Siamo andati dalla Reggenza per esprimere le nostre preoccupazione per l’atteggiamento che continuano ad avere governo e maggioranza di fronte all’ordinanza Morsiani - chiarisce - e perchè sono mesi in cui il dibattito democratico interno all’Aula non è più possibile». Quindi «visto che non abbiamo più strumenti disponibili - prosegue - siamo andati dai garanti istituzionali per ristabilire quel dibattito interno all’Aula consiliare che purtroppo non sta avvenendo». Il consigliere Francesco Mussoni sottolinea l’irresponsabilità politica di Adesso.sm una volta portata alla luce l’ordinanza. «Continuano a sostenere che i vertici di Bcsm erano in funzione del precedente governo. Eppure, diversamente dal Comitato esecutivo Iss che è stato rimosso ad inizio legislatura perchè non andava bene, con i dirigenti Bcsm il rapporto è continuato fino pochi mesi fa». E ancora: Governo e maggioranza «non possono liquidare la propria responsabilità politica - ribadisce - nell’aver dato fiducia e sostegno a tutta la serie di azioni e passaggi tecnici di una gravità incredibile su cui emerge una regia esterna al Paese».

Sul caso Titoli, infine, tutta l’opposizione parlerà alla cittadinanza nella serata organizzata alla Sala Montelupo, a Domagnano, giovedì sera.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c