Giovedì 08 Dicembre 2016 | 17:02

ATTACCO AI POLITICI

Il vescovo Turazzi si scaglia contro «l'aborto di fatto»

Depenalizzato per donne vittime di violenza e a rischio della salute. Ma la Diocesi non ci sta

Il vescovo Turazzi si scaglia contro «l'aborto di fatto»

SAN MARINO. Il vescovo di San Marino Andrea Turazzi non ci sta e con una dura nota va contro la politica che a suo dire avrebbe introdotto «di fatto» l’aborto.

Il fatto ormai è noto. Il Consiglio Grande e Generale si è espresso su cinque Istanze d’Arengo (tre approvate). Risultato? L’aborto, che a San Marino è un reato sempre e comunque mentre in Italia è legale - nelle forme previste dal codice - dal 1978, viene depenalizzato. Ma solo in alcuni casi. Quali? A San Marino non sarà più reato abortire per le donne vittime di violenza sessuale e per quelle che portando avanti la gravidanza metterebbero a rischio la propria salute.

«Sarà importante valutare in che modo questi indirizzi, in un prossimo futuro, possano entrare in una legge dello Stato. Sono certo che i nostri legislatori non desiderano altro che il bene di tutti», scrive il vescovo della Diocesi di San Marino e del Montefeltro.

A tal fine «ribadisco il mio pronunciamento sul valore della vita, dal suo primo inizio al suo naturale compimento. Mi spingono a ciò le convinzioni profonde basate anzitutto su motivi di ragione che condivido con tante persone, credenti e non; la preoccupazione per il venir meno di valori fondamentali per la nostra civiltà; la scelta di scorciatoie che portano fuori dal vero bene».

La Chiesa - precisa però Turazzi - «proprio perché riconosce e vuole tutelare la piena laicità di ogni Stato, rispetta le conclusioni prese dalle Istituzioni. Il mio auspicio è che tali Istituzioni non vengano mai meno alla coerenza con le solenni dichiarazioni della nostra Repubblica di ispirarsi a grandi valori di umanità e con l’originalità delle sue radici».

Sarà ancora più convinto e chiaro - annuncia - l’impegno dei cattolici per un’azione educativa capillare e a tutti i livelli per promuovere la difesa degli ultimi e dei più deboli. «E chi è più fragile della creatura che una mamma porta in grembo, che è bambino ed è persona?»

Insieme all’impegno educativo «si continuerà a stare concretamente accanto alle donne e alle famiglie in difficoltà, per abbracciare sofferenze, per cercare soluzioni, per accompagnare solitudini, per mobilitarsi in favore della vita».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000