Giovedì 29 Settembre 2016 | 17:16

L'ENNESIMA VERGOGNA

Prostitute, sgominato racket del sesso

Giovani ragazze reclutate in Ungheria, in Italia venivano picchiate e ridotte in schiavitù

 Prostitute, sgominato racket del sesso

 

RIMINI. Con l’illusione di guadagni facili “reclutavano” giovani ragazze in Ungheria e le portavano in Italia a prostituirsi. Ma una volta raggiunto lo scopo, le donne venivano ridotte in schiavitù. Botte e minacce erano all’ordine del giorno e i guadagni venivano trattenuti per intero dagli sfruttatori. A stroncare il giro, ieri all’alba, sono stati gli uomini della Squadra mobile (guidata dal vice questore aggiunto Nicola Vitale), che hanno eseguito i primi quattro arresti con l’accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Altri due uomini appartenenti alla banda sono attualmente ricercati in tutta Europa. Sono finiti in manette un italiano e tre ungheresi: Pietro Gervasi (48 anni), Kalman Kover (33 anni), Miklos Varadi (47 anni) e Zsolt Lakatos (37 anni).

Gli ungheresi avevano il compito di reclutare le connazionali (una ventina quelle identificate, tutte tra i 18 e i 19 anni) mentre Gervasi era il tassista del gruppo; accompagnava le prostitute nelle piazzole delle stazioni di servizio lungo la Statale Adriatica, dall’incrocio con via Marecchiese fino a Riccione, sulle quali gli sfruttatori si erano aggiudicati una sorta di “diritto di marciapiede” per l’esercizio dell’attività.

Le giovani arrivavano a Rimini ben consapevoli di ciò che sarebbero venute a fare ma quello di guadagni sostanziosi e immediati si rivelava solo un miraggio paventato dai loro protettori. Se qualcuna provava a ribellarsi o manifestava l’intenzione di tornare a casa veniva picchiata e minacciata di ritorsioni nei confronti dei propri familiari, ovviamente all’oscuro di questo tipo di attività. Dei guadagni, le ragazze non vedevano nemmeno l’ombra. Ciò che percepivano (da 30-50 euro a prestazione per un giro complessivo di circa mille euro a sera) veniva trattenuto per intero dagli aguzzini. Alle donne veniva concesso solo vitto e alloggio in un residence a Marina Centro dove vivevano praticamente segregate fuori dagli orari di lavoro.

L’indagine della polizia è partita nel mese di febbraio. Durante consueti controlli anti prostituzione, i poliziotti hanno identificato una delle ragazze ungheresi e l’hanno trovata in possesso di cocaina (e per questo denunciata). Da questo elemento sono scattate ulteriori attività di indagine ed è emerso che le giovani tenevano modici quantitativi di droga a disposizione dei clienti che ne facevano richiesta. Erano gli stessi protettori a procurare la coca alle prostitute. Sono stati successivi accertamenti (intercettazioni e tradizionali appostamenti) che hanno permesso di risalire al giro. Ma gli sfruttatori si sentivano ormai braccati: in alcune intercettazioni parlavano di piani di fuga nel caso in cui le forze dell’ordine li avessero individuati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000