CRIMINALITA'

Riviera, nuovo allarme mafia russa

Vincenzo Scalia: «Ultimamente molti stranieri stanno investendo nelle strutture alberghiere»

di LUCIA PACI

18/01/2014 - 10:18

Riviera, nuovo allarme mafia russa

RIMINI. Non sono solo le mafie “made in Italy” a trovare appetibile la riviera romagnola. Anche le mafie straniere, secondo recenti studi sulla malavita organizzata, ora sono presenti sul territorio riminese e avrebbero già guadagnato una fetta del 5% rispetto alle altre associazioni a delinquere. La facoltà di Scienze della formazione del polo riminese ha condotto la ricerca “Stop Blanqueo” per indagare il fenomeno e uno dei docenti coinvolti, Vincenzo Scalia, afferma che ultimamente «c’è una forte incidenza della mafia russa e che nella zona di Rimini nord, Viserba e Viserbella, ultimamente molti stranieri stanno investendo nelle strutture alberghiere».

Premettendo che gli investimenti stranieri non sono necessariamente associati a obiettivi criminosi, l’invito è sempre quello di non abbassare la guardia. Di mafie in riviera ne ha parlato ieri Piergiorgio Morosini, magistrato alla procura di Palermo, partendo da una constatazione positiva: «L’impegno di tanti giovani a occuparsi di questo argomento. Senza usare toni allarmistici è importante capire cosa accade sul nostro territorio. Ci sono personaggi politici che invitano a non esagerare sulla possibilità di infiltrazioni mafiose in riviera ma vogliamo credere davvero che qui non ci sono realtà in crisi per entrare in contatto con capitali poco raccomandabili? E con i capitali sporchi si può garantire concorrenza leale e diritti per i lavoratori? L’interesse dei giovani sul tema è utile anche a rendere la nostra informazione più incisiva. Non siamo più all’anno zero rispetto a certi argomenti».

Il presidente della Provincia Stefano Vitali ha ribadito: «Bisogna prendere coscienza che il problema esiste anche per preparare il territorio ad affrontarlo. La nostra realtà è bella se libera dalle organizzazioni criminali».

Davide Vittori dell’associazione Pio La Torre ha aggiunto: «Una volta si tendeva a “nascondere” le mafie per non turbare i flussi turistici e purtroppo questa tendenza c’è ancora. E’ soprattutto seguendo i flussi di capitali che si può capire come funzionano le mafie».

Riguardo alla ricerca “Stop Blanqueo”, che verrà presentata in un convegno a Londra il 22 gennaio, Vincenzo Scalia ha sottolineato che «per la prima volta questo genere di studio viene promosso da un soggetto istituzionale». In particolare, lo studio punta a capire chi investe a Rimini e come “attecchiscono” le organizzazioni mafiose, se sono alleate o in conflitto tra loro. In conclusione, Vitali ha parlato degli ordini professionali e della necessità di una stretta collaborazione degli stessi con le istituzioni «per ricreare un’economia pulita». Ieri mattina Morosini ha tenuto un incontro con gli studenti dell’istituto Molari di Santarcangelo.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c