Domenica 04 Dicembre 2016 | 02:58

LA NUOVA OPERA

Ponte sul Conca: rivoluzione viabilità

Ponte sul Conca: rivoluzione viabilità


SAN CLEMENTE. Tantissimi cittadini provenienti dalla Valconca ma anche dai comuni limitrofi hanno partecipato, ieri pomeriggio, all’inaugurazione del nuovo ponte sul Conca. C’era infatti molta curiosità su questa grande opera di cui si parla da tempo e la cui conclusione, in alcuni momenti, è sembrata non dovesse arrivare mai. La provincia di Rimini, insieme alle amministrazioni di Morciano e San Clemente hanno voluto che questa occasione fosse una festa. Ecco allora Daniele Battaglia vestire i panni del conduttore sul palco allestito per l’occasione e il violino di Mark Lanzetta a contrassegnare i momenti più suggestivi dell’inaugurazione: l’incontro dei primi cittadini, accompagnati dai rispettivi gonfaloni, a simboleggiare l’unità delle due comunità attraverso la nuova opera e, dopo gli interventi istituzionali, il taglio del nastro, accompagnato dall’inno nazionale e dall’esplosione di coriandoli. Pezzi del nastro sono poi stati donati a chi, tra il pubblico, lo desiderava.
Sul palco sono saliti il sindaco di Morciano Claudio Battazza e di San Clemente Mirna Cecchini, seguiti dal presidente della Provincia di Rimini Stefano Vitali, dall’assessore Meris Soldati e dall’ex sindaco di San Clemente Christian D’Andrea. Mirna Cecchini ha aperto gli interventi istituzionali, ricordando come la nuova viabilità presenti tre valori aggiunti: «Il ponte collega due arterie fondamentali del nostro territorio, permettendo a i cittadini della zona sud della provincia di Rimini di raggiungere i comuni limitrofi risparmiando tempo e denaro. A San Clemente permetterà di liberare dal traffico pesante il quartiere Cà Renzino, migliorando la qualità della vita dei residenti e ha dato ad una delle aziende più importanti del territorio una più agevole viabilità». Infine, ha concluso, «c’è la speranza che sappia dare la giusta opportunità alla nuova zona industriale e artigianale rendendo più ricco il territorio».
E’ poi intervenuto Battazza: «Quella che inauguriamo è l’opera più importante fatta in Valconca sia di dimensioni economiche (13 milioni di euro il costo, ndr) che strutturali. Da lunedì la viabilità di vallata cambierà volto e i cittadini di Morciano non avranno più il traffico pesante e vedranno diminuire il traffico di passaggio e improduttivo. Ma è un opera che riguarda sicuramente tutta la vallata e non soltanto i nostri due comuni».
Vitali ha infine ricordato come «quest’opera non sarebbe stata fatta se non ci fosse stata la volontà della Regione Emilia Romagna di renderla vera» e ha scherzato sulle telefonate pressanti di Battazza alla Soldati sull’andamento del cantiere. Ha ricordato infine come la burocrazia sia stato «il vero ostacolo da superare».
La serata è quindi proseguita con la musica dell’orchestra Montefiore Cocktail e con una spaghettata offerta dal pastificio Ghigi. Da domani mattina alle 9 sarà quindi possibile transitare sul nuovo tratto stradale. Un po’ di attenzione dovranno fare pedoni e biciclette. Non sono infatti ancora fruibili le due ciclabili che costeggiano le carreggiate del ponte. Dettaglio, per un’arteria dove si prevede passerà notevole traffico automobilistico e pesante non di poco conto per la sicurezza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000