Martedì 06 Dicembre 2016 | 09:10

"RIMINI SONO ANCH'IO"

Stranieri, già 269 cittadini onorari

L'iniziativa del Comune è partita a ottobre e riguarda i nuovi nati

Stranieri, già 269 cittadini onorari

Il vicesindaco e assessore Gloria Lisi

RIMINI. Sono 269 i minori stranieri da 0 a 18 anni, nati in Italia e residenti a Rimini cui il Comune, dallo scorso ottobre, ha conferito la cittadinanza onoraria all'interno della campagna “Rimini sono anch'io”. Nel solo comune di Rimini, i minori potenzialmente interessati da questa iniziativa sono 2.358 (dati aggiornati a maggio 2014), mentre a livello nazionale i figli di genitori immigrati rappresentano il 7% della popolazione scolastica (un dato  destinato nei prossimi anni continua crescita).

Per richiedere la cittadinanza onoraria i genitori interessati sono invitati ad esprimere il proprio assenso recandosi al Centro per le Famiglie (piazzetta dei Servi 1, tel. 0541/793860), dove sottoscriveranno l’iscrizione dei nomi dei propri figli nell’albo appositamente predisposto, ricevendo un attestato ed una copia della Costituzione Italiana a ricordo dell’iniziativa.

«Una piena cittadinanza – ricorda Gloria Lisi, assessore alle Politiche di integrazione del Comune di Rimini - passa dal diritto/dovere di sentirsi parte attiva della propria comunità. Per questo il Comune di Rimini ha aderito alla campagna “Italia sono anch'io”, potendo oggi contare su 269 nuovi piccoli cittadini riminesi. Gli enti locali sono le Istituzioni più vicine ai cittadini, quelle che più di tutte sono in contatto con le esigenze e i desideri delle persone. È dunque giusto che sia il Comune a proporre per primo questa iniziativa, al momento solo simbolica, ma di grande importanza civile. La scelta di aderire  o meno è libera e non imposta, perché ognuno si deve sentire libero di accettare o meno la cittadinanza, seppur simbolica, italiana. Ricordiamo che i bambini che l'hanno già chiesta sono nati in Italia, frequentano le nostre scuole, parlano spesso solo la nostra lingua e a volte neppure hanno mai visto la terra di origine dei propri genitori. Per loro è doveroso pensare a percorsi di piena cittadinanza per dare anche piena attuazione all'art.3 della Costituzione Italiana per cui - Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali - Questo è un piccolo ma importante passo. Con loro e con tutti i minori che faranno nel frattempo domanda, è previsto un momento dedicato all'intermo del Mese delle Famiglie del Comune che si terrà come ogni anno ad ottobre».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000