Venerdì 09 Dicembre 2016 | 00:58

IL COLPO DI SCENA

Saludecio, salta l'Ottocento Festival

Il sindaco Polidori: «Perdite fino a 90mila euro e non ha più il lustro di un tempo»

Saludecio, salta l'Ottocento Festival

SALUDECIO. Perdite fino a 90 mila euro, il neo sindaco Polidori cancella 800 Festival. «Ha perso il suo lustro, ma vogliamo farlo rinascere». La comunicazione è arrivata lunedì sera durante un incontro con le associazioni di categoria locali dopo il consiglio comunale.

La rassegna 800 Festival è stata sospesa, almeno per quest’anno, dal sindaco fresco di elezione Dilvo Polidori. «Una scelta sofferta, ma di grande responsabilità», ha detto. E così, dopo 31 edizioni, nella prima metà di agosto non vedremo a Saludecio gli artisti, le musiche e i balli in strada, nonchè gli spettacoli teatrali, che avevano caratterizzato la manifestazione.

«Abbiamo fatto un’attenta analisi del bilancio e delle esigenze organizzative - motiva l’amministrazione - 800 Festival dopo gli ultimi anni in cui ha perso il suo lustro, deve tornare ad essere una manifestazione culturale di altissimo tenore e importanza, all’altezza del successo e della qualità raggiunti in un periodo come gli anni ’90. Va perciò organizzata con grande attenzione, risorse idonee e con tempo adeguato».

Da qui la stoccata alla precedente amministrazione guidata da Giuseppe Sanchini: «Queste condizioni la neoeletta amministrazione non le ha purtroppo ritrovate all’indomani del proprio insediamento. Nel corso degli anni il Comune di Saludecio ha subìto mediamente perdite di 55mila euro per l’organizzazione della manifestazione, con punte di 90mila. In questa situazione, il tempo rimasto per mettere in piedi l’edizione 2014 sarebbe, tra l’altro, a malapena di due mesi, non essendo stata avviata alcuna iniziativa da parte dell’amministrazione precedente».

Polidori e soci vogliono «fare la differenza. Di fronte alle necessità dei cittadini, il Comune non può più permettersi di farsi carico dei rischi e delle perdite di 800 Festival. Il bilancio deve destinare risorse in primo luogo al sociale, alla scuola, al welfare, ai servizi. Quest’anno, dunque, la responsabilità ci ha portato a sospendere la manifestazione e a programmare una serie di eventi estivi turistico-culturali che assicurino attrattività e promozione per Saludecio e per il suo territorio».

La rassegna tornerà nel 2015? Il sindaco non indica una data certa, ma «l’obiettivo è quello di far rinascere 800 Festival, con l’importanza, le risorse e il rilievo che merita, in collaborazione con le associazioni locali e senza gravare totalmente sul bilancio e sui cittadini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000