Sabato 10 Dicembre 2016 | 06:03

CAMBIA VOLTO L'ASSE DA 10 CHILOMETRI

Scatta la rivoluzione sulla viabilità

Dalla nuova Fiera a Miramare via i semafori, largo alle rotonde

 Scatta la rivoluzione sulla viabilità

RIMINI. Spazzare via i punti d’intasamento, circa una ventina a monte della ferrovia, dalla nuova Fiera a Miramare. Il tutto nel giro dei prossimi due anni e mezzo. L’intervento da oltre 3 milioni di euro è previsto lungo l’arteria di dieci chilometri punteggiata da una miriade di semafori da incubo: da via Emilia a via Matteotti, passando per via Roma fino a via Oliveti. E’ lì che ci sarà la costruzione di rotatorie - permanenti e sperimentali - in una lunga serie di incroci semaforici da incubo che saranno mandati in pensione. I lavori scatteranno «dalla seconda metà di luglio e finiranno nel 2016, senza soluzione di continuità». Il piano è stato presentato ieri in Comune dal sindaco Andra Gnassi e dall’assessore ai Lavori pubblici Roberto Biagini. Si partirà tra un paio di settimane con un primo stralcio da 1 milione 550mila mila euro per dieci interventi la cui conclusione e prevista nel prossimo dicembre.

Partendo dalla via Emilia, zona Celle, si posizionerà una rotatoria provvisoria all’incrocio con via Italia; poco più avanti verso sud, si interverrà sulla rotatoria tra via Emilia e via Bagli, mettendo in sicurezza l’uscita da via Bagli, ora nel mezzo di un mix di precedenze surreali. Altro intervento all’altezza dell’incrocio al cimitero monumentale, via dei Cipressi - via Emilia, dove è stato spento il semaforo. Il Comune metterà un’altra rotatoria o partorirà quello che Biagini definisce «un intervento strutturale in accordo con i commercianti».

In zona San Giuliano, all’interno del progetto di pedonalizzazione del ponte Tiberio, rientrano invece le eliminazioni dei semafori tra via XXIII Settembre 1845 e via Carlo Zavagli, quello più avanti verso sud tra via Matteotti e via Bissolati; mentre sarà tenuto «il semaforo a chiamata all’altezza della scuola e della clinica Villa Maria, così come tutti quelli a chiamata nei punti sensibili», chiarisce il sindaco.

I lavori non finiscono qui: in ordine cronologico saranno i primi partire a metà luglio quelli per la rotatoria tra via Roma e corso Giovanni XXIII. Sempre a partire da luglio, previste altre due rotonde sperimentali che si discostano di poco dall’asse principale, verso il sottopasso ferroviario: parliamo di quella da fare tra via Ravegnani e via Savonarola, altezza chiesa di San Nicolò; l’altra all’altezza del ponte della Resistenza, tra via Coletti e via Destra del Porto.

Tornando all’arteria principale oggetto di interventi, i lavori proseguiranno tra via Roma e via Gambalunga con la realizzazione di un’aiuola spartitraffico, mentre poco più avanti, altezza stazione ferroviaria, incrocio via Roma - via Dante arriverà una rotonda. Stesso discorso per l’incrocio tra via Roma e via Bastioni orientali, altezza parco Cervi, dove spariranno i semafori.

Nel 2015 partirà il secondo stralcio che dovrebbe costerà attorno ai due milioni per altri dieci interventi: il primo, la maxi rotatoria all’incrocio tra via Tripoli e via Roma, definito in Comune «il tappo per eccellenza». Poi stesso iter verso la nuova questura, altezza via Bassi-via Pascoli. Ma anche negli ultimi punti via i semafori e largo alle rotonde: via Marradi - via Melucci fino a via Ambrosoli - Fiabilandia. L’ultimo blocco riguarderà la rotatoria tra via Parigi e via Oliveti, dove si metterà in sicurezza la zona anche con l’allargamento di via Losanna fino alla rotonda via Cavalieri di Vittorio Veneto.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000