Sabato 03 Dicembre 2016 | 12:42

TRAGEDIA IN VIA DELL'ABETE

Cade dal balcone mentre pulisce e muore

Luciana De Angelis, 71 anni, era salita su una scala per pulire finestre e tapparelle

Cade dal balcone mentre pulisce e muore

RIMINI. Ha lottato sei ore per rimanere attaccata alla vita. Poi non ce l’ha più fatta e si è arresa mentre i chirurghi stavano cercando di compiere un miracolo. Troppo gravi le ferite riportate cadendo da un balcone della sua casa al primo piano dove era salita su una scaletta per fare le pulizie.

Aveva computo 71 anni lo scorso 11 maggio Luciana De Angelis, morta ieri mattina dopo un volo di sette metri dal terrazzo. Abitava in via dell’Abete 42, dove ieri mattina, subito dopo aver fatto colazione, ha iniziato le faccende domestiche come migliaia di sue concittadine. Un lavoro imprescindibile e non più rinviabile per qualsiasi casalinga visto l’arrivo del bel tempo quello che la pensionata si era prefissata di portare a termine: ovvero la pulizia dei vetri e delle tapparelle delle finestre del suo appartamento al primo piano. Un lavoro di per sè pericoloso con rischi che aumentano in maniera esponenziale quando ad “arrampicarsi” su scale, seggiole, davanzali sono persone anziane. E quando il lavoro lo si fa senza aver l’assistenza di nessuno e si è sole in casa. Pericoli di cui purtroppo Luciana De Angeli non ha tenuto conto.

Così poco dopo le 8, messa la scaletta sul balcone del tinello ha salito i tre gradini portando con sè l’attrezzatura che le sarebbe servita probabilmente per togliere delle ragnatele agli angoli della volta. Quel che è certo, purtroppo, è che mentre stava pulendo, un giramento di testa, una mossa falsa, un piede che le è scivolato (indossava delle infradito di gomma) le ha fatto perdere l’equilibrio facendola precipitare nel vano dei garage. Un volo di sei/sette metri “annunciato” da un grido e da un tonfo sordo. Sono stati i vicini di casa a lanciare l’allarme al 118 che sul posto ha inviato ambulanza e automedicalizzata. Una manciata di minuti e Luciana De Angelis è arrivata al pronto soccorso dell’Infermi e da qui in sala operatoria. I chirurghi hanno cercato in tutti i modi di salvarle la vita, ma le tante lesioni interne (la più grave al fegato) non le hanno lasciato scampo. La morte è stata dichiarata verso le 14. Sul posto per indagini e rilievi 113 e scientifica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000