Venerdì 30 Settembre 2016 | 08:39

SANTA GIUSTINA

Ladro incastrato dal crollo del muro ,

Sepolto dalle macerie con le gambe spezzate

Ladro incastrato dal crollo del muro ,

RIMINI. Gli è crollato il muro addosso mentre era intento a scavalcarlo per andare dall’altra parte a caccia di ferraglia e fili di rame altrui. Quello che certo non sembrava una struttura insormontabile a protezione della ex fornace di Santa Giustina, in via Spinello, si è rivelata invece una trappola. E l’uomo deve ringraziare il santo protettore dei ladruncoli di rottami, ammesso che esista, se l’infortunio sul “lavoro” non si sia rivelato fatale. Per ore è rimasto incastrato e dolorante, con le gambe spezzate, fino a quando ieri mattina, quando il sole era già alto da un pezzo, un passante, a passeggio sulle rive del Marecchia, ha udito delle grida d’aiuto e si è avvicinato per soccorrerlo. Lo sventurato era praticamente sepolto dai resti del muro. A quel punto, però, grazie all’intervento del cittadino, ha potuto contare ben presto prima sull’opera dei vigili del fuoco che l’hanno liberto dalle macerie, poi sull’intervento del personale del 118 ed è stato accompagnato d’urgenza in ospedale. I medici si sono riservati la prognosi, ma l’uomo - G.G.M., 62 anni, originario di Asti e da anni domiciliato a Rimini - se la caverà: il referto parla di fratture multiple scomposte agli arti inferiori. Per un po’ dovrà stare a riposo “forzato”.

E’ stato lui stesso, che versa in condizioni economiche molto difficile e ultimamente vive in una roulotte, a spiegare molto “onestamente” ai carabinieri, una volta scampato il pericolo, le sue intenzioni. «Volevo entrare nell’area della ex fornace per portare via qualche filo di rame e altri metalli, si tratta di rimasugli, di roba inutilizzata e inservibile, ma che mi permette di campare: avrei rivenduto i metalli a peso in qualche deposito». I militari hanno effettuato un sopralluogo per verificare il racconto dell’uomo ritrovando anche, accantonato in un angolo, un grosso gomitolo di fili di rame pronto per essere portato via. Il ladro “miracolato” rischia adesso una denuncia a piede libero per lo sfortunato tentativo di furto. (and.ros.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000