Lunedì 05 Dicembre 2016 | 21:40

Più letti oggi

CHIUSO UN "LOCALE" A TORRE PEDRERA

Al circolo l'unico sport era la lap dance

Invece dell'attività sportiva c'era attività a luci rosse. Violazioni per migliaia di euro

Al circolo l'unico sport era la lap dance

 

RIMINI. Ufficialmente era un circolo sportivo riconosciuto dal Coni. Ma i clienti sapevano bene di poter trovare al suo interno ben altro tipo di intrattenimento: dalle feste agli spettacoli di lap dance. L’attività del “locale”, che si trova a Torre Pedrera è stata sospesa con un’ordinanza del sindaco, emanata sulla base dei riscontri della polizia amministrativa della questura di Rimini. E’ stato il comportamento strano del legale rappresentante, quando meno di un mese fa ha presentato domanda di inizio attività in questura, a insospettire i poliziotti che hanno iniziato a tenere d’occhio la struttura. L’associazione, infatti, in un primo momento, aveva comunicato l’inizio di somministrazione ai propri soci di alimenti e bevande e, successivamente, aveva formulato una domanda - immediatamente ritirata - per attività di intrattenimento. Tutte cose molto strane per una attività che non doveva avere scopo di lucro. Gli agenti hanno quindi iniziato a “seguire” il circolo privato. Dopo aver raccolto informazioni e il materiale distribuito e aver esplorato il web, la polizia si è introdotta all’interno appurando che i sospetti erano fondati: il circolo privato era un vero e proprio night club dove venivano organizzati eventi di ogni genere con spettacoli di lap dance. Nel corso del controllo gli agenti hanno identificato - tra personale dipendente e frequentatori - decine di persone e contestato numerose violazioni amministrative. Sulla base degli accertamenti il sindaco ha emesso un provvedimento con il quale ha ordinato al legale rappresentante dell’associazione sportiva la cessazione immediata delle attività. Inoltre sono state elevate multe per un totale di diverse migliaia di euro, in quanto il circolo, senza le prescritte autorizzazioni, esercitava attività di intrattenimento danzante e pubblico spettacolo, somministrava alimenti e bevande e non teneva l’apparecchio di rilevazione del tasso alcolemico (oltre a violare le disposizioni relative alla protezione dei dati personali). Sono in corso ulteriori verifiche finalizzate ad accertare l’eventuale violazione delle disposizioni fiscali, nonché quelle in materia di sicurezza antincendio.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000