L'ATTRICE

Serena Grandi “denuncia” un ex: «Vivo nella paura»

«La situazione è diventata insostenibile: purtroppo gli uomini non accettano la separazione, ma perché?»

di ANDREA ROSSINI

01/09/2018 - 10:40

Serena Grandi “denuncia” un ex: «Vivo nella paura»

RIMINI

Non c’è pace per l’attrice Serena Grandi (all’anagrafe Serena Faggioli), riminese d’adozione, neppure adesso che la sua carriera sta vivendo una fase di rilancio dopo un periodo di stasi grazie alla partecipazione al “Grande Fratello Vip” (girerà a breve due nuovi film). Dopo le polemiche legate all’omosessualità del figlio e alle ingiurie ricevute dal ragazzo dopo aver fatto outing, infatti, adesso è lei stessa a raccontare a tutti le ragioni del suo timore. Le presunte molestie telefoniche di un suo ex, infatti, la tengono in grande apprensione come lei stessa ha rivelato ieri in una intervista esclusiva a Tg.com24. Attraverso il sito d’informazione, ma la notizia è stata poi rilanciata ovunque, l’attrice ha lanciato un grido d’allarme perché la «situazione è diventata insostenibile» e anche allo scopo di aiutare anche le altre donne «che stanno vivendo il mio stesso dramma, purtroppo gli uomini spesso non accettano la separazione, ma perché?».

Finora, come lei stessa chiarisce, non ci sono stati episodi particolarmente preoccupanti, ma sebbene l’ex in questione non sia un tipo violento, Serena Grandi si sente a disagio al solo pensiero di incontrarlo. Dopo essersi consultata con un legale di sua fiducia ha preferito cautelarsi andando a raccontare i suoi timori ai carabinieri della sua città, Rimini. Non è chiaro se, come sostiene lei nell’intervista, si tratti di una formale denuncia. «Ho dovuto cambiare numero di telefono perché era un inferno, avevo bloccato chiamate e messaggi ma mi arrivavano lo stesso telefonate con numeri privati». Paure legittime di una donna che ha ritrovato il proprio equilibrio e una stabilità anche senza bisogno di appoggiarsi a un uomo. Ma non tutti gli innamorati abbandonati, che magari cercano ancora un canale di comunicazione, si trasformano in stalker. È possibile che la denuncia “pubblica” dell’attrice faccia sì che la persona alla quale lei si riferisce - ammesso che sia lui l’autore delle chiamate mute - si metta il cuore in pace. Perché anche l’attrice possa tornare Serena.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c