IL COMMENTO

Il tormentone del turismo:
"L'aeroporto deve fare di più"

di ROBERTO MASINI

11/08/2018 - 08:58

Il tormentone del turismo:"L'aeroporto deve fare di più"

Strano destino quello dell’aeroporto di Rimini. Ogni volta che si parla di turismo, bene o male, come è anche giusto che sia, ci finisce in mezzo. Molti turisti? “Sì, ma l’aeroporto deve far di più”. Pochi turisti? “Sì, ma l’aeroporto deve far di più”. Nuovi mercati? “Sì, ma l’aeroporto deve far di più”. Destagionalizzare? “Sì, ma l’aeroporto deve far di più” e così via... La frase “Sì, ma l’aeroporto deve far di più” è il tormentone del turismo, come la domanda “E allora il pd?” è il tormentone della nuova politica italiana e come “E allora i Marò?” fino a poco tempo fa era il tormentone valido per tutte le occasioni. Poco male se si trattasse solo di chiacchiere al bar o sui social. Un po’ più preoccupante se a pronunciare “Sì, ma l’aeroporto deve far di più” sono esponenti delle istituzioni, delle categorie economiche o esperti del settore. Ed è ancora più preoccupante quando si tirano fuori i confronti con l’aeroporto di una volta: “Allora sì che c’erano più voli...”

Con “l’aeroporto di una volta” c’erano senz’altro più voli per tutti. Il problema è che quelli dell’aeroporto di una volta sono quasi tutti finiti nell’inchiesta sul crac Aeradria (tra chi ha patteggiato, chi ha usufruito della prescrizione e chi è ancora in attesa dei vari gradi di giudizio) ed in molti casi con i beni sotto sequestro. Una gestione pubblica, che campava con fondi pubblici sulla cui corretta erogazione si sta ancora cercando di far chiarezza. Niente di gravissimo, per carità, “era per il bene della comunità” si diceva, ma era uno dei classici “carrozzoni pubblici” dell’economia italiana che gravavano sulle tasche dei cittadini.

Ora c’è un gestore privato, che rischia i propri soldi. E proprio per questo è proprio lui il primo “che vorrebbe far di più” e per questo continua a chiedere anche il sostegno della politica e dell’economia cittadina. Anche perchè si trova a contrastare una concorrenza nella maggioranza dei casi fortemente sovvenzionata da fondi pubblici.

Per concludere le chiacchiere da bar, quindi l’aeroporto può far di più, “Sì, ma anche Rimini deve far di più per l’aeroporto”. Un aeroporto che “fa di più” renderebbe sicuramente felici sia il gestore che la città: proviamo a lavorare insieme.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c