RIMINI

Caldo torrido, al canile di Rimini bagno in piscina per gli animali

I consigli dei volontari: attenzione all’asfalto i “polpastrelli” sono a rischio scottatura

03/08/2018 - 07:41

Caldo torrido, al canile di Rimini bagno in piscina per gli animali

RIMINI. Anche al canile fanno i conti con le temperature africane e oltre a evitare le passeggiate nelle ore più calde utilizzano piccole piscine per rinfrescare gli animali. Stiamo vivendo una stagione davvero calda – spiegano i volontari del canile –: i nostri amici a quattro zampe non sono dotati di ghiandole sudoripare, quindi assumono la postura con la bocca aperta e accelerano il ritmo respiratorio, in modo esponenziale in base al calore.

Consigli utili. «Portare il vostro amico in passeggiata solo nelle ore più fresche della giornata (mattina e sera) avendo con sè sempre dell’acqua, evitare di sottoporlo a sforzi o attività troppo intense. Rinfrescatelo attraverso l’utilizzo di un tessuto naturale (cotone) bagnato e ponetelo nelle zone più sensibili al calore: zampe, ascelle, collo e assicurategli una zona ombreggiata e il più ventilata possibile nel vostro giardino o abitazione».

Quindi. «Durante le passeggiate verificate la temperatura dell’asfalto: il cane appoggia i “polpastrelli” che recepiscono il calore dal suolo, soprattutto in presenza di composti dove è presente catrame o cemento, la temperatura è di gran lunga superiore a quella ambientale. Basta considerare che una temperatura ambientale di 35 gradi equivale a 42-43 gradi dell’asfalto. Per questo motivo monitorate sempre la condizione delle zampe: nei “polpastrelli” possiamo riscontrare la presenza di abrasioni con diversi gradi di lacerazione, fino a diventare delle vere e proprie scottature».

Fisiologicamente la postura quadrupede del cane lo «rende più basso rispetto all’uomo, quindi il suo corpo è notevolmente più vicino al suolo». Per verificare la «temperatura che recepirà il cane basta appoggiare sulla superficie la mano e tenerla a contatto per 5 minuti con il suolo».

Infine è possibile anche «modificare il solito snack: offrite cibo morbido da inserire negli appositi contenitori dopo averlo riposto nel freezer per un paio d’ore, lo sgranocchiare o mordicchiare comporta il rilascio di endorfine nell’animale, aumentando così lo stato di benessere e potrà inoltre gustare il cibo contenuto».

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c