SAN MARINO

Pedofilia, frase choc di un parroco di San Marino: "Se un prete sente necessità faccia sesso con animale"

Ma il post indigna gli animalisti, pronti anche alle vie legali: "Parole vergognose, il sacerdote si scusi"

02/08/2018 - 17:30

Pedofilia, frase choc di un parroco di San Marino: "Se un prete sente necessità faccia sesso con animale"

SAN MARINO. Scosso dalla piaga della pedofilia negli ambienti ecclesiastici, don Marco Scandelli, parroco di Borgo Maggiore, San Marino, ha espresso il proprio disappunto all'indomani dell'ennesimo caso, quello di Calenzano, che ha visto coinvolto un esponente del clero sorpreso in auto con una 11enne. E lo ha fatto affidando il proprio pensiero a un post su Facebook sostenendo che "se un prete ha delle necessità fisiche si trovi una donna o un uomo consenziente o maggiorenne. Al limite anche un animale. Sono pur sempre peccati ma non scandalizzano e traumatizzano, non deviano gli innocenti. Basta con la pedofilia". Frasi choc che hanno sollevato un polverone e scatenato, tra le altre, la reazione dell'associazione italiana difesa animali e ambiente. "Le parole di don Marco Scandelli che per combattere la pedofilia diffusa tra i sacerdoti invita i preti al limite a far sesso con un animale sono orribili e mettono in evidenza ancora una volta come nella chiesa gli animali siano considerati alla stregua di oggetti e che per loro non vi sia alcuna pietas e alcun riconoscimento del loro essere creature di Dio – si legge in una nota dell'associazione -. Chiediamo che il parroco si scusi pubblicamente per quanto dichiarato e che intervenga in maniera chiara anche il suo vescovo per condannare le parole fuorvianti di questo che dovrebbe essere un sacerdote della Chiesa ma rappresenta almeno in queste affermazioni l'essenza stessa del male. Giustissimo ed ovvio condannare la pedofilia, ma arrivare a sostenere come rito sessuale alternativo la zoorestia è altrettanto vergognoso e abominevole". L'ente animalista sta inoltre eventuali iniziative di natura giudiziaria contro le parole del sacerdote. 

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c