Extra è il magazine estivo del Corriere Romagna dal 1994

RIMINI

Trans tenta il suicidio per protesta. «Detenuta in un buco e isolata da tutti»

Salvata dall'intervento degli agenti della polizia penitenziaria e del medico interno: ora è in coma

09/12/2017 - 16:43

Trans tenta il suicidio per protesta. «Detenuta in un buco e isolata da tutti»

RIMINI. Ingerisce, tutti in una volta, i farmaci che aveva accumulato per giorni e giorni e nascosto in una boccetta di acetone per smalto. Una transessuale peruviana di trentadue anni, stufa delle condizioni di isolamento che è costretta a vivere all’interno del carcere, ha tentato il suicidio in segno di protesta. Adesso è ricoverata in terapia intensiva nel reparto di Rianimazione dell’ospedale “Infermi” di Rimini. L’episodio è accaduto nel tardo pomeriggio di giovedì scorso. A notare qualcosa che non andava è stata la dirimpettaia di cella, un’altra transessuale. Sono le uniche due detenute della sezione “Vega”, relegate in una vera e propria gattabuia, proprio perché c’è l’esigenza di tenerle separate dal resto dei detenuti maschi. Una situazione che porta a una segregazione interna, tanto che le due detenute non hanno la possibilità di condividere né gli spazi né le attività con gli altri, più volte segnalate all’amministrazione penitenziaria. La peruviana ha espresso più volte il proprio disagio di fronte a un isolamento imposto suo malgrado e privo di alcun fondamento giuridico in uno spazio ridotto con un lucernario che fa da finestra e in condizioni di freddo e umidità che non hanno riscontro nelle altre sezioni della casa circondariale riminese. La sezione “Vega” è da tempo nel mirino del garante dei detenuti e la chiusura è data per imminente. A sopperire alle carenze strutturali sono spesso gli agenti della polizia penitenziaria che anche l’altro giorno hanno dato prova di grande affidamento e professionalità. Il poliziotto intervenuto, infatti, non si è basato sulle risposte della peruviana, ancora piuttosto coerenti, ma l’ha subito accompagnata in infermeria. La trans è collassata davanti al medico ed è stata trasportata d’urgenza in ospedale. Un ritardo sarebbe stato fatale. «Non ce la faccio più a vivere il carcere in condizioni di isolamento, di difficoltà dovute a carenze evidenti: chiedo solo di poter scontare la mia pena in condizioni dignitose». È difesa dall’avvocato Enrico Graziosi che, avuta notizia dell’accaduto, è accorso in ospedale per sincerarsi di persona dello stato di salute della sua assistita. «Non è ancora fuori pericolo», conferma il legale. «Spero si riprenda presto perché le prospettive, a dispetto di una situazione giudiziaria difficile (ha un cumulo di pene per vecchie rapine, estorsione ed evasione fino al 2020 ndr) sono buone: ha chiesto di essere espulsa e potrà uscire già a primavera per tornarsene da persona libera nel proprio Paese». Il suo gesto richiama ancora una volta l’attenzione sulla sesta sezione, “Vega”, destinata ai detenuti transessuali e ridotta a un ripostiglio: una vergogna alla quale qualcuno dovrà porre rimedio.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402