RIMINI

Metropolitana di costa, ecco i test. Prime prove sul tracciato pronto

Due giorni di "esperimenti" da Rimini a Riccione, in attesa dei convogli a emissioni zero

Metropolitana di costa, ecco i test. Prime prove sul tracciato pronto

RIMINI. I mezzi sono quelli classici, usati tutti i giorni lungo le strade cittadine. E da un punto di vista pratico ancora non cambia nulla. In ogni caso, favorevoli o contrari al Trc, ieri è successo qualcosa di insolito: sono iniziati i test del Metrò di costa. Agenzia mobilità ne prevede altri a cadenza regolare, poi l’arrivo dei convogli a emissioni zero, fino all’inaugurazione vera e propria ipotizzata fra la fine del 2018 e l’inizio del 2019.

A tutto test

Allora. La sperimentazione di ieri viene replicata anche oggi. Le prove in corso sono effettuate con i mezzi attualmente in uso per il trasporto pubblico locale e sono propedeutiche alla fase di collaudo, che avverrà invece utilizzando i nuovissimi filobus simili per conformazione ai mezzi interamente elettrici (Exqui.City18T) scelti a servizio del Trasporto rapido costiero. Altri test saranno effettuati tra dicembre e gennaio.

Procede quindi - recita una nota del Comune - il percorso che porterà all’entrata in funzione di un sistema di trasporto collettivo efficiente, a basso impatto ambientale e che rappresenterà l’elemento centrale del nuovo assetto della mobilità del territorio. Completati i lavori all’infrastruttura, oltre ai test sui mezzi, il prossimo anno saranno ultimati i lavori relativi alla predisposizione delle nuove fermate e delle opere complementari.

Giusto questa estate, nella seduta del 10 luglio, il Cipe aveva ufficializzato lo stanziamento di 10 milioni 454mila euro per l’acquisto dei mezzi del Trc. Da quel giorno l’opera è interamente finanziata.

I mezzi scelti sono gli Exqui.City18T prodotti dalla ditta belga Van Hool, già nota sul territorio perché fornitrice dei filobus in circolazione sulle strade provinciali. Saranno in tutto nove: otto sul tracciato, più uno di riserva. L’Exqui.City18T è un mezzo a emissioni zero, che dunque non produce inquinamento, in virtù dell’eliminazione del motore diesel ausiliario. In assenza di corrente di linea si muove con alimentazione a batterie al titanio di ultima generazione. E consente il trasporto al seguito delle biciclette.

In carrozza

Il tracciato della Metropolitana di costa corre a monte della linea ferroviaria, tra Rimini e Riccione. È lungo 9,8 chilometri e, una volta ultimato, conterà 17 fermate di cui 5 intermedie. Il servizio avrà una frequenza di 10 minuti che possono diventare anche 7,5 nelle ore di punta. I bus dovrebbero percorrere l’intero tragitto, da un capolinea all’altro, in circa 23 minuti (velocità massima 70 chilometri orari), trasportando fino a 1.200 passeggeri ogni ora.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2017