Mercoledì 28 Giugno 2017 | 23:00

Corriere Tv

Indagato il conducente dell'auto

Incidente di Nicky Hayden: inchiesta su iPod e velocità

Periti in campo per stabilire la dinamica dello schianto che ha ridotto in fin di vita il pilota. Accertamenti su strada per verificare il ruolo del sole

Incidente di Nicky Hayden: inchiesta su iPod e velocità

L'auto che ha centrato Hayden

MISANO ADRIATICO. Lesioni stradali. È questo il reato, che si spera possa rimanere tale, per cui è stato iscritto nel registro degli indagati della procura della Repubblica un 30enne morcianese. Mercoledì scorso all’incrocio tra le vie Tavoleto e Ca’ Raffaelli, ha investito l’ex campione del mondo della MotoGp Niky Hayden, ora ricoverato in condizioni disperate in un letto della Rianimazione del Bufalini di Cesena. Per rispondere a ogni interrogativo e dissolvere dubbi sulla dinamica, cristallizzata sul posto dai rilievi eseguiti dall’Infortunistica del Corpo intercomunale della polizia municipale, il pubblico ministero Paolo Gengarelli nominerà un proprio perito. L’incarico, molto probabilmente, sarà conferito già questa mattina.

I tanti dubbi

Tante le domande cui il Pm chiederà risposte all’esperto. Tra le più importanti, di sicuro, ci sarà quella sulla velocità tenuta dalla Peugeot 206 condotta dal 30enne morcianese. Pochi metri dopo il luogo in cui la piccola cabriolet ha arrestato la propria marcia (sul lato opposto della carreggiata), infatti, spicca il cartello che fissa il limite massimo a 50 chilometri all’ora.

I danni alla vettura

Anche l’esame dei danni riportati dalla vettura potrà essere utile per stabilire la velocità cui viaggiava. Sull’asfalto la municipale non ha rilevato tracce di frenata. Il che può essere spiegato in tanti modi, a partire dalla “sorpresa” del conducente davanti all’improvviso ostacolo. Kentuchy Kid, infatti, si sarebbe immesso su via Tavoleto con la sua bicicletta senza rispettare lo stop di via Cà Raffaello. Accanto al campione statunitense la municipale ha rinvenuto e sequestrato anche un iPod acceso. C’è poi da capire se a tradire uno dei due protagonisti di questa tragedia possa essere stato il sole. Per capirlo sarà necessario eseguire l’accertamento nella stessa ora ed entro pochi giorni per evitare che le condizioni di base mutino.

La famiglia e il legale

Da ieri l’avvocato Moreno Maresi il legale della famiglia Hayden. A contattarlo è stata la Honda per cui Nicky corre nella Superbike. Maresi ha incontrato mamma Rose e il fratello maggiore Tommy al Bufalini da dove non arrivano buone notizie sulle condizioni del pilota: resta gravissimo. Dai familiari ha raccolto la nomina ed ha illustrato i primi passi: ovvero nominare a propria volta un perito che ricostruisca la dinamica dell’incidente e partecipi a tutte le attività peritali fatte svolgere, se la procura lo consentirà. Stessa strada verrà seguita dai legali dell’automobilista, gli avvocati Francesco Pisciotti e Pierluigi Autunno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000