REVOCATA LA CARTA DI SOGGIORNO

Lo sfregiatore di Gessica sarà espulso

Dopo aver scontato la pena dovrà lasciare il territorio nazionale

01/03/2017 - 12:15

Lo sfregiatore di Gessica sarà espulso

RIMINI. Il questore di Rimini Maurizio Improta ha revocato la carta di soggiorno al 29enne capoverdiano Edson Tavares, attualmente in carcere per l’aggressione a Gessica Notaro. Il che significa che al termine della sua vicenda processuale e scontata la pena l’uomo sarà espulso dal territorio nazionale. Gessica Notaro è la 28enne riminese sfregiata con l'acido il 10 gennaio scorso dal suo ex compagno, Edson “Eddy” Tavares.

Da allora si trova ricoverata all'ospedale Bufalini di Cesena dove è stata operata recentemente all'occhio sinistro, quello più compromesso in seguito all'aggressione. L'intervento è riuscito bene ma ancora non si sa se potrà recuperare la vista. Probabilmente alla giovane toccheranno ancora diverse settimane di degenza al Bufalini dove era già stata operata altre due volte per le lesioni provocate al volto dall'acido.

Tavares le aveva gettato l'acido in faccia tendendole un agguato sotto casa. La stessa Gessica aveva subito indicato il responsabile, rintracciato e arrestato la mattina successiva dalla polizia di Stato. Lo straniero, che si trova rinchiuso nel carcere di Forlì, si è dichiarato innocente dicendo di non essere stato lui a fare del male alla 28enne. Ma oltre al fatto che Gessica l'aveva visto in faccia, il suo alibi non reggeva. Tavares sosteneva di aver passato la serata a Cattolica in compagnia di una donna, ma proprio quest'ultima non è stata in grado di stabilire l'orario esatto in cui si era vista con il capoverdiano. Il buco temporale e il fatto che le celle del suo cellulare fossero state localizzate a Rimini intorno all'orario in cui è avvenuta l'aggressione sono dunque altri elementi che smontano la sua versione. A Gessica Notaro verrà dedicata la giornata dell'8 marzo, Festa internazionale della donna: per Rimini sono affissi i manifesti con il suo nome scritto all'interno di un cuore.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c