Domenica 04 Dicembre 2016 | 04:54

DIALOGO FRA RELIGIONI

Alfano: «Basta agli Imam fai da te»

Il ministro degli interni: prediche in italiano e chiarezza sulle risorse per le moschee

 Alfano: «Basta agli Imam fai da te»

RIMINI. Basta Imam fai da te. Prediche in italiano e tracciabilità dei fondi destinati a finanziare le moschee. Lo ha detto il ministro dell’interno Angelino Alfano, che ieri sera al Meeting ha partecipato a un incontro dedicato dedicato all’immigrazione.

L’esponente di governo ha infatti ricordato di avere incontrato al Viminale i leader delle comunità musulmane. «Ho detto che in Italia la libertà di preghiera è riconosciuta dalla Costituzione. Però ci dobbiamo intendere. Basta Imam fai da te, guai imporre odio e violenza. Poi le prediche in italiano. Infine tracciabilità assoluta delle voci di finanziamento delle moschee».

A proposito degli sbarchi a Lampedusa, Alfano ha detto con chiarezza. «Prima salviamo le persone e poi chiediamo se sono profughi o irregolari. Se sono profughi li aiutiamo, se irregolari li espelliamo».

Ricordiamo che sulla scrivania del ministro Alfano c’è una pratica riminese irrisolta da anni: la nuova questura in via Roma, terminata, mai occupata e oggi praticamente in malora. All’inizio di agosto, il sindaco Andrea Gnassi è andato a Roma accompagnato dai parlamentari Tiziano Arlotti (Pd) e Sergio Pizzolante (Area popolare).

«E’ stato un confronto franco - spiegò al ritorno il primo cittadino - in cui abbiamo sottolineato la specificità di un territorio come il nostro: un borgo di 330mila abitanti che accumula 15 milioni di presenze turistiche all’anno e 20 milioni di city users. Abbiamo sottolineato al ministro, sottoponendo un dossier aggiornato, lo scandalo della sede della nuova Questura di via Roma. Abbiamo chiesto una soluzione definitiva».

La richiesta avanzata al ministro è quella di provvedere al «più presto a dare soluzione ai problemi, tenendo conto che ogni ipotesi o progetto o programma non può prescindere dal risolvere una volta per tutte la vergogna di via Roma». La disponibilità di «Alfano e del prefetto Gabrielli è stata massima». Tanto è vero che è stato convocato un vertice tecnico per lunedì 5 settembre, durante il quale verificare tutte le diverse azioni e il «percorso operativo per una proposta complessiva e definitiva».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000