Sabato 10 Dicembre 2016 | 13:40

LA PRESENTAZIONE

Ecco il manifesto balneare di Aldo Drudi

In passato si sono cimentati sul tema da René Gruau a Jovanotti, da Milo Manara a Eron

Ecco il manifesto balneare di Aldo Drudi

RIMINI. E' stato presentato oggi il manifesto balneare di Rimini per il 2016. Si viaggia verso la cultura ‘indie pop’, l’immaginario e la simbologia dei biker La firma è di Aldo Drudi, racing designer, impegnato da anni nella cura dell'immagine del pilota (dal casco, alla tuta, alle personalizzazioni estetiche) vestendo campioni del motociclismo come Doohan, Schwantz, Haga, Edwards, Biaggi, Roberts, Mamola, Cadalora, Simoncelli e ovviamente Valentino Rossi.

"Ho scelto il segno del tatuaggio – spiega Drudi – per un linguaggio grafico moderno attraverso il quale poter unire tutti gli elementi classici e simbolici della balneazione. Il tutto incorniciato dalla scritta che campeggia in alto ‘VIENI OLTRE’, che è una espressione tipica della nostra gente, un errore grammaticale e allo stesso tempo un invito, una promessa: vieni a Rimini, troverai qualcosa di più, oltre le tue aspettative. E poi c’è una citazione che è una firma: la moto del mitico ‘Paso’ che simboleggia tutto il mio mondo e i miei ricordi di quando venivo a vedere Pasolini per la Mototemporada con mio babbo e mio fratello. Penso che il mio lavoro non possa prescindere dalla passione per questo sport, dalle emozioni e i colori del fantastico mondo delle corse. E’ la cifra del mio stile e bisogna aver guidato moto in pista per sapere di cosa si tratta”.

Il manifesto di Drudi segue quelli di René Gruau (2000), Gianluigi Toccafondo (2003), Milo Manara (2004), Jovanotti (2005), Luca Giovagnoli (2006), Pablo Echaurren (2007), Marco Morosini (2008), Alessandro Bergonzoni (2009), Francesca Ghermandi (2010), Eron (2011), Francesco Bocchini (2012), Marco Neri (2013).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000