Sabato 03 Dicembre 2016 | 16:36

TURISMO

Parte la manovra per blindare la Motogp

Misano, si punta a un accordo con Dorna fino al 2020

Parte la manovra per blindare la Motogp

RIMINI. Il rombo del motomondiale a Misano fino al 2020. L'amministrazione comunale di Rimini vuole "fortemente" il rinnovo della convenzione con Dorna, in scadenza quest'anno. Per questo la giunta dà mandato al sindaco del Comune di Misano, Stefano Giannini, "affinché una delle due tappe italiane della MotoGp continui a tenersi all'autodromo Marco Simoncelli". E' "un appuntamento che vogliamo fortemente", commenta il primo cittadino di Rimini, Andrea Gnassi. Non solo l'evento porta in riviera centinaia di migliaia di persone e catalizza l'attenzione dei media tradizionali e dei social. "Quello col Gran premio di San Marino e della Riviera di Rimini è una grande proposta capace di coniugare il talento dei grandi piloti alla proposta e al prodotto che il territorio riminese sa offrire".

C'è anche un legame più profondo, quello della passione per i motori della gente di Romagna. Da Valentino Rossi da Tavullia ai nuovi giovani talenti "come Bastianini, Manzi, Migno, Bulega, Marini e altri ancora. Tutti ragazzi delle nostre terre, di Rimini, Saludecio, San Clemente, Tavullia". Ecco perché "grandi emozioni, affetto e numeri esaltanti ci spingono non solo a confermare l'appuntamento del 13 settembre prossimo ma a rilanciare la ricerca di un accordo che dia futuro ad un evento che sentiamo nostro e che anche quest'anno sapremo arricchire con grandi eventi collaterali". D'altronde, conclude Gnassi, "Motor Valley è uno dei principali asset di promozione e valorizzazione turistica strategica, all'interno del programma regionale denominato ''Via Emilia Tourism Experience" su cui Rimini si sta fortemente impegnando in termini di impegno, iniziative e idee".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000