FIRMA DEL CARDINALE

Via libera della Chiesa alla causa di beatificazione per don Oreste Benzi

di LUCIA PACI

12/02/2014 - 21:12

 Via libera della Chiesa alla causa di beatificazione per don Oreste Benzi

RIMINI. La congregazione per le cause dei Santi, a firma del cardinale Amato e con il benestare della Chiesa, ha concesso il via libera alla causa di beatificazione di don Oreste Benzi. La richiesta per avviare la causa di beatificazione è arrivata alla vigilia del sesto anniversario della morte del sacerdote che risale al 2 novembre 2007. Il 24 ottobre scorso la postulatrice, teologa Elisabetta Casadei, ha consegnato al vescovo di Rimini Francesco Lambiasi, la richiesta formale.

 

Oltre a un elenco provvisorio di eventuali testimoni che potranno essere chiamati a deporre al processo (circa un centinaio), sono stati consegnati tutti gli scritti pubblicati da don Benzi: 26 libri, 146 volumi del bimestrale “Pane quotidiano”, migliaia di articoli pubblicati su riviste e quotidiani, oltre a decine di video e audio dei suo interventi in radio e tv. Al vescovo Lambiasi sono giunte anche lettere che appoggiano e sollecitano l’apertura della causa. A firmarle sono stati: 9 cardinali, 41 vescovi italiani e 11 vescovi e arcivescovi stranieri, vari movimenti ecclesiali, molti esponenti della chiesa riminese e della Papa Giovanni. Nella richiesta formulata dall'attuale responsabile della comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Ramonda, si legge: «Don Oreste ha testimoniato un amore smisurato per i poveri, vivendo da povero e facendo dell’unione con Dio una dimensione di vita. Con la tonaca lisa ha percorso le strade del mondo per annunciare Gesù vivo, l’unico salvatore del mondo e come missionario ha aperto centinaia di comunità dove i piccoli ed i poveri hanno trovato una famiglia che li ama».

 

Don Oreste proveniva da una famiglia di operai, settimo di nove figli. Fu ordinato sacerdote il 29 giugno 1949. Il 5 luglio dello stesso arrivò la nomina a cappellano della parrocchia di San Nicolò a Rimini. Nell’ottobre 1950 divenne insegnante e nominato vice-assistente della Gioventù italiana di Azione cattolica di Rimini. Nel 1968, con un gruppo di giovani e con alcuni altri sacerdoti diede vita al primo soggiorno estivo per ragazzi disabili. Da questa esperienza maturò la nascita e la crescita della comunità Papa Giovanni XXIII. Don Oreste è scomparso il 2 novembre 2007, all’età di 82 anni. (lucia paci)

 

 

 

 

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c