Lunedì 05 Dicembre 2016 | 19:42

LA BATTAGLIA PIU' BELLA

Il protocollo antiviolenza nasce a Coriano

Firmato l'impegno tra Regione e Comuni alla presenza della vicepresidente del Senato

 Il protocollo antiviolenza nasce a Coriano

CORIANO. Alla presenza della vicepresidente del Senato, Valeria Fedeli, lunedì sera è stato firmato l’impegno sul protocollo tra Regione e Comuni nell’applicazione pratica della “legge quadro per la parità e contro la discriminazioni di genere” approvata il 27 giugno 2014. «Coriano sempre più città del sociale», esulta la sindaca Domenica Spinelli.

La giornata è iniziata con la visita della Fedeli alla comunità di San Patrignano; altra tappa, prima dell’inizio del convegno serale, la visita alla galleria dedicata a Marco Simoncelli. È stata anche colta l’occasione per inaugurare due mostre di pittura dedicate al mondo femminile e della violenza, delle artiste Deborah Coli e Maria Pia Campagna, che si potranno vedere durante la sera di venerdì quando alle 21 al teatro CorTe si svolgerà lo spettacolo musicale “l’Empatia nella musica e nelle relazioni umane”.

Il convegno ha attirato molto pubblico che ha riempito tutti i posti disponibili in teatro. «Questo convegno è una tappa importante di un percorso che è cominciato nel 2013 con l’adesione di tutto il consiglio comunale alla proposta di legge di iniziativa popolare - ha detto la sindaca -, adesione che scaturì dalla richiesta sollevata da Sonia Alvisi. Questa proposta è diventa la legge numero 6 del 27 giugno 2014. Giovedi 14 gennaio si è tenuto il consiglio comunale aperto dove la presidente nazionale e consigliera regionale Roberta Mori è venuta a spiegare il contenuto della legge. Oggi insieme alle due associazioni, Universal Pleasure e Società Psicoanalitica Italiana abbiamo voluto organizzare il convegno per dire tutti insieme “no” a qualsiasi forma di violenza 365 giorni all’anno. Dobbiamo combattere ogni forma di violenza e atto di sopruso, e se non superiamo l’atavica e ignobile differenziazione tra uomo e donna ogni altra battaglia sarà vana. Cogliamo tutti insieme oggi l’opportunità di essere protagonisti di un percorso importante per la crescita delle comunità. Noi amministratori - ha proseguito la prima cittadina - possiamo scegliere se essere spettatori dei cambiamenti o farne parte da protagonisti. La firma del protocollo è un modo per diventare protagonisti di questo cambiamento».

Nel corso della serata è stato proiettato il video ideato e realizzato da Irene Benedetti, presidente di Universal Pleasure. Una breve storia a fumetti che ripercorre le tappe più significative delle leggi per i diritti delle donne. Un omaggio alla consigliera regionale Roberta Mori, un riconoscimento al suo impegno per la Legge regionale al centro del convegno.

Universal Pleasure ha anche donato alla vice presidente Fedeli il quadro di Irene Benedetti dedicato alle donne che era esposto sul palco dei relatori durante il convegno.

Dopo l’intervento la sindaca ha ribadito, «l’intenzione di candidare Coriano come città del sociale, perché siamo sempre più convinti che questa sia la brezza che accarezza questa terra. Un ringraziamento particolare va a tutti i cittadini e a tutte le autorità che hanno voluto condividere con Coriano questo importantissimo momento».

Tra i relatori della serata, oltre a Valeria Fedeli e Roberta Mori, anche Emma Petitti, assessore regionale, Rosa Amorevole, consigliera regionale, e Giovanna Zoffoli, consigliera provinciale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000