Sabato 10 Dicembre 2016 | 13:40

GIALLO A PERTICARA

Spinto al suicidio da una malattia

Ritrovati scritti in cui Oscar Leandri annuncia il gesto estremo

 Spinto al suicidio da una malattia

RIMINI. Uno scritto di suo pugno con il quale annunciava ai suoi cari una malattia a tutti sconosciuta. E’ stato ritrovato dai carabinieri del nucleo investigativo e ha confermato l’ipotesi del suicidio di Oscar Leandri, il 49enne cesenate residente a Bertinoro trovato morto all’alba di sabato nella zona dell’ex miniera di Perticara. Una conferma per i carabinieri che avevano già intuito che non si trattasse di omicidio. Nonostante il sacchetto di plastica in testa, bloccato dal nastro adesivo attorno al collo, e le mani legate dietro la schiena da una fascetta di plastica.

Per tutto sabato i carabinieri hanno proseguito le indagini, soffermandosi sulla vita di Leandri. E proprio a casa sua hanno ritrovato, in un cassetto della scrivania, alcuni suoi scritti nei quali annunciava l’intenzione di togliersi la vita. E ha anche spiegato il motivo del suo suicidio: era malato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000