Lunedì 26 Settembre 2016 | 07:21

ANNIVERSARIO

Banca Carim festeggia oggi 175 anni

Filiali del centro aperte con l'intrattenimento musicale degli allievi del Lettimi. Previste visite guidate alla sede di piazza Ferrari e a quella di Palazzo Agolanti

Banca Carim festeggia oggi 175 anni

RIMINI. Banca Carim festeggia oggi i suoi primi 175 anni. Era infatti il lontano 3 gennaio 1841 quando il più importante istituto di credito della città, apriva il primo sportello per accogliere i riminesi.

La storia. Il 3 gennaio 1841 - racconta la storia - apriva in un ufficio del Palazzo comunale, il primo sportello della banca. Vennero date alla Cassa due stanze ‘decorose’, opportunamente munite di inferriate, una per contenere la cassaforte e l’altra ad uso ufficio. Le cronache di allora celebrano il senso di abnegazione del consiglio di amministrazione, che per anni, prestò gratuitamente la propria opera così che la Cassa riuscì a superare indenne i moti rivoluzionari del 1845 e la più ampia crisi politica del 48/49 che investì l’intero Paese non ancora unificato.

Sedi aperte. Dopo i concerti di dicembre nelle filiali della provincia, il filo conduttore continua a essere la musica.

Oggi pomeriggio a Rimini resteranno aperte le sedi del centro: le filiali di piazza Ferrari e corso d’Augusto (la storica Agenzia di Città), con i concerti (dalle 16.30 alle 17.30) degli allievi del liceo musicale Lettimi e si potranno visitare i locali normalmente chiusi al pubblico.

Palazzo Agolanti. Sempre oggi, il terzo luogo aperto alla cittadinanza sarà Palazzo Agolanti in via Gambalunga 29, dove dalle 15.30 alle 16.30 il Trio Donizetti (ensamble di fiati) terrà un concerto, a cui seguirà una visita guidata agli antichi reperti di epoca romana. E’ prevista un’introduzione storico - artistica a cura dello Studio Cumo Mori Roversi che si è occupato del restauro del palazzo.

Il Gran gala. L’appuntamento finale di questa prima fase di festeggiamenti è in programma domenica 10 gennaio con il Gran Gala della lirica, al palacongressi di Rimini (alle 17). L’ingresso sarà gratuito, su invito. Protagonista il maestro Matteo Salvemini che dirige il Coro lirico Amintore Galli di Rimini e la Lviv Philarmonic Orchestra (una delle migliori in Ucraina) con la straordinaria partecipazione di quattro solisti di fama internazionale: il soprano Dimitra Theodossiou, il baritono Giuseppe Altomare, il mezzosoprano riminese Anna Malavasi e il tenore Enzo Errico. Il programma prevede l’esecuzione delle arie più celebri di Verdi (dal Nabucco, Trovatore, Traviata, Vespri Siciliani), Bizet (Carmen), Puccini (Tosca), Mascagni (Cavalleria Rusticana), Bellini (Norma).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000