CAOS E VIABILITA'

Ponte Marecchia, come sopravvivere

Dopo i disagi dei giorni scorsi, adesso Stradale e Polizia municipale corrono ai ripari. Cantiere aperto per tutto il mese di marzo, gli esperti suggeriscono i percorsi alternativi

04/02/2014 - 10:34

Ponte Marecchia, come sopravvivere

RIMINI. File interminabili, caos e rabbia: per non dire altro. I lavori sul ponte del Marecchia hanno cambiato l’umore di migliaia di automobilisti. Meglio farsene una ragione: sarà così fino a marzo. Sono in arrivo migliorie: un semaforo intelligente e percorsi alternativi. Il consiglio migliore è sempre uno: stare alla larga.

Il fatto. Il ponte sul fiume Marecchia della Statale 16, da qualche giorno è interessato da una serie di lavori. Una manutenzione - hanno spiegato - necessaria a garantire massima sicurezza, soprattutto per quanto riguarda la stabilità dei marciapiedi e dei parapetti.

«Al momento - recita una nota - è interessata la carreggiata lato monte, si è reso necessario chiudere al traffico una delle due corsie esistenti. Quando saranno terminati i lavori sul lato monte verrà messo in sicurezza il lato mare. I lavori complessivamente si protraggono fino alla fine di marzo».

Caos e rimedio: La vicinanza della rotatoria della Statale Emilia e via Popilia ha creato forti disagi. Nelle prossime ore verrà installato, per l’ingresso in rotatoria, un semaforo intelligente e verranno modificati i tempi del semaforo della intersezione Statale Emilia- via Italia.

«Tali accorgimenti - recita una nota - insieme all’utilizzo di movieri della ditta esecutrice e al controllo costante del personale della Polizia stradale e della Polizia municipale, dovrebbero migliorare sensibilmente la circolazione, in particolare nelle ore di punta (dalle 7.30 alle 9 e dalle 17.30 alle 19)».

Uscire dal labirinto. Gli addetti ai lavori a questo punto aprono il capitolo percorsi alternativi: da oggi fino allo spostamento del cantiere sull’altro lato della carreggiata.

Chi transita sulla via Emilia e prosegue verso Rimini e Ancona: utilizzare la strada interna che porta a San Martino dei Mulini e quindi la via Marecchiese fino a Rimini.

Chi transita sulla via Emilia e prosegue verso Ravenna: utilizzare le strade laterali sul lato mare della via Emilia che portano sulla Statale 16 Popilia (a Santa Giustina, a San Martino in Riparotta e a Santarcangelo), evitando l’abitato di Rimini.

Chi transita sulla Statale 16 Popilia e prosegue verso Santarcangelo e Cesena: utilizzare le strade laterali sul lato monte della Statale 16 Popilia (via Tolemaide a Torre Pedrera, via Orsoleto e via San Martino in Riparotta a Viserba), evitando l’abitato di Rimini.

Chi transita sulla Statale 16 Popilia e prosegue verso Rimini e Ancona: utilizzare l'autostrada A14 imboccandola al casello di Rimini Nord; si sconsiglia, soprattutto nelle ore di punta, l’opzione di svoltare a sinistra e portarsi sul litorale Nord (Viserba, Viserbella e Torre Pedrera), sia perché ciò obbliga ad attraversare l’intero abitato di Rimini da nord verso sud, sia perché in questa zona sono in corso lavori di ristrutturazione del ponte sul deviatore Marecchia, con inevitabili code.

Via veloci. La direzione di marcia Ancona-Ravenna sulla Statale 16 Adriatica, al momento rimane piuttosto scorrevole in quanto non interessata direttamente dai lavori.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c