DOPO LA CHIUSURA DEL "COCCO"

Minacce al questore Improta

Una cinquantina, su Internet, raccolte dalla polizia postale: dossier alla procura

08/08/2015 - 13:17

Minacce al questore Improta

RIMINI. Minacce di morte al questore di Rimini Maurizio Improta: il caso Cocoricò dilaga sui social network, molte le critiche dai toni duri contro la chiusura del locale, ma c’è anche chi si è spinto ben oltre, arrivando alle minacce.

Una cinquantina, soprattutto su Internet e social network, quelle che sono state raccolte dalla polizia postale e consegnate in un’informativa alla Procura della Repubblica.

Il questore, che contattato non ha voluto commentare la circostanza, sarebbe stato preso di mira proprio in seguito al provvedimento di sospensione della licenza del Cocoricò disposta per quattro mesi dopo che il 19 luglio scorso il sedicenne di Città di Castello, Lamberto Lucaccioni, ha perso la vita per overdose di ecstasy.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c