Giovedì 29 Settembre 2016 | 13:50

SALVATAGGIO

Batte la testa: 19enne rianimato in campo

L'incidente durante la partita fra Real Miramare e Cattolica: lo salva il mister dei rivali

Batte la testa: 19enne rianimato in campo

RIMINI. Infortunio di gioco ieri pomeriggio durante la partita di calcio fra Cattolica e Real Miramare (campionato regionale del settore juniores) che si è disputata nel campo di via Parigi a Rimini.
Un calciatore 19enne del Cattolica, che gioca nel ruolo di centrocampista, all’ottavo minuto del primo tempo ha sbattuto la testa contro un avversario ed è caduto a terra rimanendo privo di sensi.
«Il ragazzo - spiega l’allenatore Danilo Girolomoni - stava saltando e si è scontrato in aria con l’avversario. E’ rimasto a terra privo di sensi. Devo ringraziare il capitano della squadra Riccardo Bencivenga, di 19 anni, e il mister del Real Miramare Marco Giorgetti che senza farsi prendere dal panico, sono intervenuti in suo soccorso e gli hanno praticato il massaggio cardiaco oltre alla respirazione. E’ intervenuta anche un’infermiera che era presente sugli spalti. Poi è arrivato il 118 che ha portato il ragazzo in ospedale».
All’Infermi il giovane centrocampista è stato sottoposto a una Tac per una sospetta frattura dell’arcata sopraccigliare ma fortunatamente tutto si è risolto per il meglio. Per avere certezza che tutto fosse a posto è stato chiesto anche un consulto all’ospedale Bufalini di Cesena. I medici hanno dato una prognosi di trenta giorni e lo hanno trattenuto per la nottata in via precauzionale. Il ragazzo già oggi dovrebbe essere dimesso dopo aver effettuato ulteriori visite di controllo. La partita è stata sospesa sul risultato di 2 a 1 in favore del Cattolica.
Un altro infortunio sportivo si è verificato sempre nel pomeriggio a Viserba durante la partita di pallavolo (serie B2, girone F) tra il Viserba volley e il Rubicone volley. Una giocatrice della squadra ospite, dopo aver effettuato una schiacciata ha preso una brutta storta a una caviglia che ha richiesto l’intervento dell’ambulanza. In ospedale la ragazza è stata sottoposta a tutti gli accertamenti del caso e le sue condizioni non sono gravi. La partita è stata sospesa per 45 minuti in attesa dei soccorsi. Poi, su decisione delle squadre, è ripresa regolarmente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000