Domenica 25 Settembre 2016 | 00:34

GRANDE DISTRIBUZIONE: LA SVOLTA

«L'Esp è pronto a raddoppiare»

Il progetto potrebbe rialzare gli oneri di urbanizzazione precipitati in 6 anni da 11 a 2,1 milioni

«L'Esp è pronto a raddoppiare»

RAVENNA. Se ne parla da anni, ormai più di dieci. Ma, a sentire l’amministrazione comunale, i tempi sembrano maturi per l’ampliamento del centro commerciale Esp di Ravenna lungo la statale. A darne conferma è l’assessore all’Urbanistica Libero Asioli. A Palazzo probabilmente confidano anche nel maxi progetto per incrementare gli oneri di urbanizzazione (stralciati comunque da qualche tempo dalla spesa corrente per non correre rischi vista la crisi del settore). Secondo il Comune il progetto di ampliamento dell’Esp dovrebbe portare quasi al raddoppio degli spazi destinati alla galleria commerciale (non verrebbe quindi allargata l’area di pertinenza del supermercato) che ora conta circa una quarantina di punti vendita. L’assessore parla infatti di un progetto a valenza «sovraprovinciale». Non sarebbe la prima volta: negli anni scorsi anche l’Ipercoop di Imola ad esempio è stata sottoposta a un piano di ampliamento notevole che ha portato al raddoppio delle attività commerciali all’interno.

RAVENNA. La grande crisi del settore immobiliare presenta un conto salatissimo anche per i Comuni. Le entrate derivanti dagli oneri di urbanizzazione hanno subito un tracollo. I numeri sono impressionanti, se nel 2008 Palazzo Merlato aveva incamerato circa 11 milioni, nel 2013 le entrate si sono ridotte a 2 milioni e 135mila euro.

Dopo aver trainato per anni le performance economiche del territorio, i cantieri si sono ridotti all’osso e con sé stanno portando effetti negativi per i conti, sempre più precari, delle amministrazioni comunali. La diminuzione è stata progressiva; nel 2009 gli oneri erano stati 5 milioni e 79mila, nel 2010 c’era stata una parziale ripresa con 7 milioni e 476mila, per poi crollare di nuovo nel 2011 con 5 milioni e 89 mila e 2 milioni e 800mila nel 2012.

«Nel 2013 sul fronte degli oneri di urbanizzazione abbiamo toccato il fondo – commenta l’assessore all’Urbanistica, Libero Asioli – speriamo che presto si possa ripartire. Non è un periodo facile e il settore delle costruzioni soffre terribilmente».

Asioli intravede comunque qualche possibilità di inversione di rotta. Una novità importante per il territorio è annunciata sul fronte delle strutture commerciali: dopo anni di attesa pare che il progetto di ampliamento dell’Iper stia per diventare realtà. A darne notizia è lo stesso assessore Asioli: «Si assisterà circa ad un raddoppio della galleria commerciale dell’Iper, che potrà così assumere una valenza sovraprovinciale. E’ un progetto importante che darà un impulso significativo».

Oltre al mega investimento dell’Iper, Asioli prefigura per l’anno in corso l’applicazione di due articoli 18 (piani unitari di intervento di urbanizzazione con interessi pubblici) nel campo residenziale. L’amministrazione sta anche ragionando sull’adozione di alcuni strumenti da mettere in campo per dare nuova linfa al settore: «Stiamo lavorando sulla semplificazione del Rue – conclude Asioli – in modo da sbloccare i lavori che le imprese possono ancora fare. Prevediamo più facilità nella messa a norma e nei lavori in campo energetico. Invito gli imprenditori ad avere coraggio e investire ove vi siano le potenzialità per farlo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000