Domenica 11 Dicembre 2016 | 01:17

Più letti oggi

PROCESSO PER LESIONI

E' un fallo di gioco: portiere assolto

Era franato addosso all'avversario durante una partita di calcetto

E' un fallo di gioco: portiere assolto

LUGO. Per un’uscita scomposta durante una partita di calcetto ai danni di un avversario si è ritrovato a processo per lesioni. E se per quello stesso episodio la giustizia sportiva fu immediata (un turno di squalifica), per quella ordinaria il verdetto - assoluzione - è arrivato soltanto ieri. Il giudice monocratico Agnese Cicchetti ha ritenuto che il violento scontro avvenuto nel febbraio del 2008 tra il portiere dell’Ozzanese e l’attaccante del Cotignola fosse riconducibile a una mera azione di gioco; il vice procuratore onorario Simona Bandini aveva invece chiesto nei confronti dell’imputato una pena di due mesi.

Il corso sportivo e quello penale, ancora una volta, seguono quindi binari paralleli, come d’altronde casi ben più eclatanti hanno dimostrato. La vicenda giunta all’epilogo ieri risale a sei anni fa, nel corso di una partita di calcio a 5.

Sfida accesa, dove non erano mancati gli attriti. Fu in quel contesto che, durante una fase di gioco con il pallone che stava arrivando nei piedi dell’attaccante, il portiere decise di uscire dall’area, franando contro l’avversario che finì contro la panchina a bordo campo, fratturandosi un dito. Lesione giudicata guaribile inizialmente con una prognosi di trenta giorni, poi raddoppiata. Nell’occasione anche l’autore del fallo si fece male al legamento crociato. Ma se per quell’infortunio l’estremo difensore dovette affrontare mesi di inattività, ben più lungo è stato il periodo di attesa per l’esito del processo a suo carico.

Alla fine quel tackle scomposto è stato circoscritto all’impeto agonistico. Secondo il giudice, si è trattato di un fatto di competenza sportiva. Decisione che ha sollevato il portiere. E di riflesso tutti i giocatori “fisici”: se fosse passata la linea che un episodio violento in campo potesse aprire la strada, non solo per il rientro anticipato negli spogliatoi, ma anche per le aule di tribunale, i difensori e i centrocampisti di mezza serie A avrebbero tremato... (gi.ro.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000