Sabato 10 Dicembre 2016 | 06:02

POMERIGGIO DA INCUBO ALLA MALVA NORD

Legata e rapinata in casa, caccia ai ladri

Si ritrova tre uomini nella sua abitazione mentre è sola, prova a reagire ma ha la peggio

Legata e rapinata in casa, caccia ai ladri

CERVIA. Si è ritrovata i ladri in casa all’improvviso, ha provato a reagire e a urlare. Ma loro invece di scappare prima l’hanno immobilizzata e poi l’hanno legata con il cavo dell’aspirapolvere prima di fuggire via con tutti i gioielli di famiglia. Un bottino da circa trentamila euro.

Un vero e proprio incubo quello vissuto ieri sera da una cervese residente alla Malva Nord. E’ stato poco dopo le 17 che la donna, a quell’ora sola in casa, ha ricevuto la visita poco gradita di almeno tre ladri entrati dalla porta principale che era stata chiusa, ma ovviamente non a chiave.

I malviventi erano a volto scoperto, segno che forse nemmeno loro pensavano di trovare qualcuno all’interno dell’abitazione. Ma a quel punto, invece di scappare, hanno continuato imperterriti nella loro azione criminale, incuranti del fatto di tramutare un furto in una vera e propria rapina.

Quando i ladri hanno sentito la donna urlare si sono coperti il volto con i baveri dei giacconi, due di loro hanno immobilizzato la cinquantenne con la forza, un terzo si è invece introdotto in camera da letto e in pochi minuti si è intascato tutti i gioielli trovati nei cassetti. Il bottino non è ancora stato quantificato con esattezza, ma dovrebbe aggirarsi su diverse migliaia di euro.

Prima di fuggire via i tre hanno però deciso di rallentare le richieste di soccorso della donna che è stata legata in maniera improvvisata con i fili di un aspirapolvere trovato in casa in quei momenti concitati.

Un espediente che è servito più che altro a evitare che i soccorsi arrivassero immediatamente con il rischio di un arresto in flagranza. La donna ha descritto i tre come uomini piuttosto alti e giovani con un accento straniero, molto probabilmente dell’Europa orientale.

Purtroppo il fenomeno dei furti a Cervia e soprattutto nel forese, pur essendo in linea con la media nazionale, è continuamente in crescita. Negli ultimi mesi casi di razzie a domicilio sono stati segnalati un po’ dappertutto, è però la prima volta che un fatto del genere avviene con persone ancora in casa. Oltre al danno economico, un’esperienza davvero terribile capace di lasciare un forte senso di insicurezza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000