Martedì 27 Settembre 2016 | 09:00

FAENZA: TRAGEDIA SULLA MODIGLIANESE

Investita, muore a dieci anni

Era appena uscita dalle lezioni di catechismo

Investita, muore a dieci anni

FAENZA. Una bambina di 10 anni, Martina Varoli, è stata investita e uccisa da un’automobile ieri pomeriggio sulla Modiglianese. La piccola era uscita dalle lezioni di catechismo dalla parrocchia di Santa Margherita in Rivalta e si stava recando a casa in via Monte Spada, dove i genitori e i fratelli gestiscono il maneggio “Amico cavallo”.

Un centinaio di metri da percorrere, in parte attraverso i campi, un percorso breve e sicuro, se non fosse per quella maledetta strada provinciale da attraversare. La ragazzina ha costeggiato il ciglio del fosso, in direzione Marzeno, poi, sorpassato il cimitero, è giunta quasi all’altezza della stradina che doveva imboccare sul lato opposto.

«Si è fermata – racconta un testimone transitato in quel momento – l’ho notata ferma in mezzo all’erba, mi ha lasciato passare e dopo un secondo ho udito una gran botta, d’istinto mi sono fermato e l’ho vista ruzzolare nel fosso, investita dall’auto che stavo incrociando».

L’ha travolta una Cinquecento, guidata da un modiglianese di 57 anni che procedeva verso Faenza. Il conducente si è immediatamente fermato: «E’ sceso e, nel vedere la bimba immobile nel fosso, si è messo le mani nei capelli, disperato» ha aggiunto il testimone.

Sull’erba è rimasto lo zainetto nero, dal quale sono fuoriusciti un astuccio di matite colorate e un quaderno maxi con la copertina rossa. Li ha raccolti una parente, dopo le foto di rito delle forze dell’ordine. Il primo a prestare soccorso è stato un pompiere di Faenza, al quale si sono aggiunti due suoi colleghi di Modigliana casualmente di passaggio.

In breve è giunta un’ambulanza del 118. Ed è atterrata l’elimedica a 30 metri di distanza. Tra i primi ad arrivare, a piedi, anche uno dei quattro fratelli della bambina e la madre che nel vedere la scena è stata colta da malore. Urlava e piangeva disperata : «No, no… non ci credo». L’ha sorretta il figlio.

I sanitari hanno tentato in ogni modo di rianimare Martina, ma ormai era in arresto cardiaco. Poi è giunto qualche segnale di vita, che ha fatto sperare, ma inutilmente, appena il tempo di arrivare al Bufalini di Cesena con l’elicottero. Verso le 19 la bambina è spirata. Sul luogo dell’incidente la polizia municipale di Faenza che ha eseguito i rilievi e bloccato il traffico lungo la provinciale per circa un’ora.

Sottoposto ad alcoltest, l’autista della Cinquecento è risultato negativo. Nel campo adiacente la parrocchia, gli amici, i catechisti e gli educatori hanno interrotto i giochi, molti piangevano a dirotto. In un attimo la gioia, i canti e gli schiamazzi hanno lasciato spazio a un dolore profondo. Hanno pregato con le mani giunte, guardando il cielo, che Martina, piccolo angelo, proprio in quel momento stava raggiungendo.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000