RAVENNA

Tassa di soggiorno, caccia agli evasori. Una struttura su dieci non paga

In Comune mancano quasi 200mila euro dal mancato pagamento dei “furbetti” Mandato a Ravenna Entrate per riscuotere

di ALESSANDRO CICOGNANI

20/07/2018 - 13:25

Tassa di soggiorno, caccia agli evasori. Una struttura su dieci non paga

RAVENNA. Ha inizio la stretta contro i furbetti della tassa di soggiorno. I revisori dei conti del Comune di Ravenna, dopo aver concluso l’attenta analisi dei bilanci di Palazzo Merlato, hanno ritenuto opportuno dare il via a una verifica capillare. Con la chiara intenzione di andare a colpire tutte quelle realtà “pseudo” alberghiere che, non dichiarando la presenza dei pernottamenti, “omettono” di versare l’imposta entrata in vigore nel 2014 a Ravenna. Il collegio dei revisori, si legge chiaramente nel documento, «ha richiesto che nel 2018 sia avviato, inserendola quale priorità da comunicare a Ravenna Entrate spa da parte dell’Ente (quindi il Municipio), una importante attività di recupero all’evasione rispetto all’imposta di soggiorno».

Poche righe, ma che non lasciano spazio a dubbi. Aprendo di fatto le porte a quella che potrebbe essere una dura lotta contro gli evasori. «Dagli albergatori abbiamo più volte avuto segnalazioni di concorrenza sleale – ammette l’assessore al turismo Giacomo Costantini – e in questo senso vogliamo cercare di tutelare quelli che lavorano bene».

Due i problemi

Quando si parla di imposta di soggiorno, le tematiche critiche da trattare sarebbero in realtà due. La prima è proprio quella dell’evasione. Ossia di tutta quella fetta di persone che, pur ospitando turisti, decidono di non dichiararli. Un problema di sommerso che rischia di scoperchiare un vaso di Pandora. In particolare legato all’ormai noto portale AirBnb (che permette a privati di ospitare persone per uno a o più notti in casa propria), da sempre nel mirino degli albergatori per via della concorrenza per così dire sleale. Ma scavando, la sensazione, è che si possa arrivare a scoprire la presenza anche di bed and breakfast non dichiarati, che vivono di fatto sul passa parola. E dove l’evasione non si limiterebbe quindi alla sola tassa di soggiorno.

La seconda problematica riguarda invece le mancate riscossioni. Si tratta di tutte quelle realtà alberghiere che, pur dichiarando le presenze, non pagano una parte dell’imposta. Per lo più per problemi di natura economica. Guardando il bilancio 2017 del Comune si vede come l’anno scorso la tassa di soggiorno accertata sia stata pari a 1,8 milioni, ma quella effettivamente incassata solo 1.650.000. Quasi il dieci per cento delle strutture è quindi in ritardo coi pagamenti.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c